11 agosto 2020

Valdobbiadene Pieve di Soligo

Il Tar su vigneto di Premaor: “No allo stop dei lavori ma servono più controlli”

Il Tribunale Amministrativo Regionale del Veneto ha rigettato la richiesta di sospensiva dei lavori di realizzazione del contestato vigneto

| Ingrid Feltrin Jefwa |

immagine dell'autore

| Ingrid Feltrin Jefwa |

vigneto a Premaor

MIANE – Battaglia persa per i residenti della località di Premaor a Miane che avevano chiesto al Tar di sospendere i lavori di realizzazione del contestato vigneto ma l’esito della “guerra” è ancora tutto da decidere. Già perché un risultato comunque lo hanno portato a casa visto che il Tribunale Amministrativo Regionale del Veneto se da un canto ha stabilito che non sussistono i presupposti per lo stop al cantiere dall’altro ha anche disposto l’obbligo di monitorare costantemente i lavori, a carico del Comune di Miane e del Corpo Forestale.

A curare gli interessi dei residenti di via Rive a Premaor è l’avvocato Primo Michielan del foro di Treviso che all’indomani del primo pronunciamento del Tar ha ulteriormente precisato che i giudici si sono detti persuasi di voler approfondire ulteriormente la delicata questione. In particolare, sono stati definiti “indizi pericolosi” gli smottamenti e le frane registrate dopo l’avvio del cantiere, in concomitanza con delle piogge intense. Ora prima di un ulteriore pronunciamento si dovrà attendere ancora qualche mese ma intanto però, i residenti potranno confidare su controlli costanti del territorio.

 

 



foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa

Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo
Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×