31 marzo 2020

Montebelluna

Taglio degli alberi a Montebelluna, scatta l’esposto internazionale per fermare le motoseghe

La “Commissione italiana per la protezione delle piante” si sta mobilitando

| Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

immagine dell'autore

| Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

via XXX Aprile

MONTEBELLUNA – Esposto contro il taglio degli alberi. La “Commissione italiana per la protezione delle piante” che fa capo alla International Tree Protect Commission (ITPC) si mobilita e questa mattina invierà un esposto internazionale a tutte le autorità preposto, Parlamento Europeo incluso, a firmato del presidente nazionale Alessandro Manini. Il documento è lungo e dettagliato e sarà inviato anche al presidente del Parlamento europeo nonché al Ministro per l’Ambiente a quello per la Salute e al Ministro per i Beni Culturali, nonché alla Procura della Repubblica di Treviso.

“Preso atto che é stata espressa da parte del Comune di Montebelluna la volontà di abbattere 55 piante secolari a fronte di un singolo parere tecnico agronomico – si legge nel documento -, ritenendo che un singolo referto dendrologico non possa giustificare, da solo una misura di tale proporzioni e che il quadro di riferimento generale debba essere come minimo sottoposto al vaglio di una commissione di esperti e ad un confronto con la cittadinanza coinvolta; preso atto che l'abbattimento di alberi in zona urbana va contro alle pratiche delineate nel Libro Bianco dell'Unione Europea di preservazione degli ambienti di interesse ecologico e storico e culturale”.

E ancora: “Ricordando che gli alberi costituiscono elementi fondamentali per l'ecosistema e la preservazione dell'ambiente ecologico, ed un filtro alle dannose polveri sottili del traffico urbano PM 10: da sole responsabili di oltre 60.600 morti all'anno in Italia (fonte: Epidemiologia e Prevenzione, 43, 2019) ivi allegata che, altrimenti non più filtrate dalla massa fogliare degli alberi abbattuti verrebbero inalate dalla popolazione, nuocendo in particolare modo a danno di bambini, anziani e pazienti affetti da patologie respiratorie …”.

Sostanzialmente l’organizzazione punta sul tema della salute pubblica e quindi conclude: “… si espongono all'Autorità Giudiziaria i suindicati fatti, compendiati da documentazione di supporto, poiché possa venire accertato, se Essa lo riterrà opportuno, se sussistano i presupposti di violazione di legge ed auspicando, nel caso, l'intervento della stessa Autorità Giudiziaria nell' interesse primario della salute della cittadinanza”.

 



foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa

Leggi altre notizie di Montebelluna
Leggi altre notizie di Montebelluna

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×