04/07/2022pioggia debole e schiarite

05/07/2022pioggia debole e schiarite

06/07/2022pioggia debole e schiarite

04 luglio 2022

Esteri

Svizzera, crollo seracchi sul Grand Combin: 2 morti e 9 feriti

Sul posto si trovavano una quindicina di alpinisti. Il crollo è avvenuto a 3400 metri

|

|

Svizzera, crollo seracchi sul Grand Combin: 2 morti e 9 feriti

SVIZZERA - Due persone sono morte stamani sul Grand Combin, in Svizzera, dove un crollo di seracchi ha travolto una quindicina di alpinisti. Altre nove persone sono rimaste ferite. Lo ha indicato la polizia del Canton vallese. L'allarme è stato dato stamattina alle 6.20. Il crollo è avvenuto a 3.400 metri in una zona chiamata 'Plateau du Déjeuner'. "Al momento non c’è alcun indizio che porta a presupporre che ci siano italiani coinvolti ma l’identificazione di tutte le persone non è stata ancora completata" ha detto il direttore del Soccorso alpino valdostano, Paolo Comune.

 

SERACCHI E CAMBIAMENTI CLIMATICI - "Premesso che non conosco nel dettaglio la vicenda, la caduta di un seracco, un blocco di ghiaccio instabile, è piuttosto imprevedibile. Senza dubbio i cambiamenti climatici e il riscaldamento globale fanno sì che i seracchi siano sempre più instabili. E proprio perché i pericoli sono diventati più frequenti, molte vie alpinistiche vengono scartate" afferma all'Adnkronos Jacopo Gabrielli, glaciologo dell'Istituto di Scienze polari del Cnr. "Nel 2019 andai sul Grand Combin insieme agli svizzeri per prelevare una carota di ghiaccio - sottolinea il glaciologo - Ricordo che già allora le guide alpine svizzere mi dicevano che la via tradizionale era ormai in disuso per pericoli oggettivi". Con i cambiamenti climatici "cambia l'ambiente montano", prosegue Gabrielli sottolineando che, "tanto più in questo periodo, la regola d'oro è consultare i bollettini locali e le locali guide alpine sulle condizioni dei ghiacciai". Basti pensare, conclude, che "sulle Alpi occidentali e centrali le condizioni attuali si avvicinano a quelle di metà giugno-primi di luglio per la poca neve e il caldo di queste due settimane. Le condizioni sono quelle di un ghiacciaio estivo e non primaverile come dovrebbe essere".

 



Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×