26/02/2024pioggia debole

27/02/2024rovesci di pioggia

28/02/2024pioggia debole

26 febbraio 2024

Treviso

Sul bus senza biglietto va in escandescenza: "So chi sei, vengo a trovarti a casa". Dovrà pagare seimila euro

È stato condannato per resistenza a pubblico ufficiale

| Angelo Giordano |

| Angelo Giordano |

Sul bus senza biglietto va in escandescenza:

TREVISO - MOM rende pubblico l’esito del procedimento penale che ha visto imputato un trentacinquenne di nazionalità nigeriana condannato a rifondere un dipendente dell'azienda trevigiana di trasporto pubblico locale con 2.000 euro e al pagamento di ulteriori 3.700 euro per spese legali e generali. L’uomo è stato ritenuto penalmente responsabile di resistenza a pubblico ufficiale.

I fatti. L'episodio risale all'aprile 2020 ed è avvenuto all'autostazione di Treviso, durante un normale controllo dei titoli di viaggio ai passeggeri della linea 120 (Vittorio V.-Conegliano-Treviso). Nel corso degli accertamenti, uno dei controllori MOM ha individuato un passeggero in arrivo - nato nel 1988, di nazionalità nigeriana - senza titolo di viaggio. Come da prassi, al fine di redigere il verbale di sanzione, l’accertatore ha richiesto l'esibizione di un documento d'identità. A quel punto l'uomo ha esibito un permesso di soggiorno; tuttavia, all’apertura del portafogli, il controllore ha visto che vi era custodita anche la Carta d'Identità e ne ha richiesto l'esibizione. La Carta d'Identità, infatti, avrebbe permesso di conoscerne la residenza, dato indispensabile per la corretta notificazione del verbale di sanzione.

L’uomo in quel momento è andato in escandescenza e ha iniziato a minacciare l'agente con frasi come "so chi sei, vengo a trovarti a casa". Grazie al successivo intervento della Polizia di Stato, Questura di Treviso, arrivata tempestivamente sul posto, è stato possibile procedere all'identificazione del soggetto e alla successiva denuncia presentata dalla parte offesa, difesa dell’Avvocato Mariagrazia Stocco, incaricata da MOM.

Oggi, dopo più di tre anni, il giudice ha riconosciuto la resistenza a pubblico ufficiale (337 c.p.) e quindi la volontà del soggetto di ostacolare il compimento di un atto d'ufficio da parte del controllore che, nell'esercizio delle sue funzioni, è un pubblico ufficiale.
Commenta il Presidente, Giacomo Colladon: «Come azienda procediamo, e continueremo a procedere, nel denunciare atti di violenza o minacce verso il nostro personale, affinché questi atti non restino impuniti».


Iscriviti alla Newsletter di OggiTreviso. E' Gratis

Ogni mattina le notizie dalla tua città, dalla regione, dall'Italia e dal mondo


 

 


| modificato il:

Angelo Giordano

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×