02 giugno 2020

Treviso

Studenti stressati dalle lezioni a distanza, creato sportello d'ascolto per le famiglie

L'associazione Liberamente: "Nuove problematiche, ma forse sorgeranno nuove opportunità di apprendimento"

| Matteo Ceron | commenti |

immagine dell'autore

| Matteo Ceron | commenti |

scuola

TREVISO – Col Coronavirus a scuola non si va più. E nessuno ha idea di quando gli studenti potranno tornare in aula. Improvvisamente si sono ritrovati a dover far lezione da casa, ma non c’è stato modo di testare prima un sistema uniforme per la scuola a distanza ed i problemi naturalmente non mancano. Tanto che si inizia a parlare di stress da smart school.

 

L’associazione Liberamente di Treviso ha aperto per questo a tutti i genitori e gli studenti del territorio uno sportello di ascolto gratuito di supporto per le attività di smart school. "Le famiglie potranno chiamare ed esporre le proprie difficoltà con questa nuova normalità dello studio, della scuola, della relazione con i pari a distanza. In questo momento così critico e delicato, l'equipe di Liberamente, lavorando da casa, si impegna a contribuire per rendere meno problematico questo aspetto della vita degli adolescenti, dei bambini e dei genitori e degli insegnanti”, spiegano Milena Paoli e Barbara Pin, referenti dell'associazione che proseguono.

 

Liberamente si occupa da vent’anni di disagio scolastico, l’equipe è composta da professionisti nella relazione, come educatori, counsellor, psicologi e neuro-psicomotricisti e psicoterapeuti. Nonostante il Coronavirus sta continuando a seguire i ragazzi, anche se in remoto. La scuola a distanza ora è il problema più sentito.

 

“Questa attività ha portato ad osservare che le nuove modalità scolastiche quotidiane, completamente stravolte dalla Smart School, stanno creando nuove problematiche e forse fanno sorgere nuove opportunità di apprendimento – proseguono Milena Paoli e Barbara Pin -. Per questi motivi abbiamo attivato uno sportello di supporto".

 

Per contattatore lo sportello si può chiamare lo  0422.403761 oppure inviare una mail a info@associazioneliberamente.com per essere ricontattati.   

 



foto dell'autore

Matteo Ceron

Leggi altre notizie di Treviso
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×