16 luglio 2020

Castelfranco

Stop a Whatsapp allo Iov di Castelfranco

Il sindacato ottiene che il personale sanitario non venga più contattato dal reparto con WhatsApp

| Ingrid Feltrin Jefwa |

immagine dell'autore

| Ingrid Feltrin Jefwa |

IOV

CASTELFRANCO – Da ora in poi il personale dello IOV non sarà più contattato dal reparto con comunicazioni lampo attraverso social e messaggistica istantanea ma solo con comunicazioni ufficiali. A chiederlo sono state le rappresentanze sindacali a fronte del fatto che i dipendenti erano contattati in qualsiasi momento anche in orari e giorni non consueti.

“Da tempo avevamo segnalato che troppe comunicazioni “ufficiali” avvenivano utilizzando gruppi di comunicazione sui social network o sui servizi di messaggistica istantanea, a tutte le ore del giorno e anche nei festivi – spiega Sara Tommasin della FP Cgil di Treviso –, abitudine non corretta. Proprio per questo, avevamo specificato che ordini di servizio e direttive ufficiali devono passare tramite un canale istituzionale, con oggetto, indirizzo, estremi dei soggetti e protocollo”.

In questi giorni, infatti, è stata divulgata una circolare, con cui la direzione generale dell’Istituto Oncologico del Veneto ha comunicato che “l’uso dei social network o dei servizi di messaggistica istantanea (ad es. Whatsapp – Telegram) non è da considerarsi uno strumento di comunicazione ufficiale”. Provvedimento che soddisfa il sindacato che ha visto accolte le sue richieste.

“Certo, è ovvio che un gruppo limitato di persone, internamente, per comodità, può comunicare tramite certi strumenti – conclude Tommasin -. Ma le direttive ufficiali devono avere un canale altrettanto ufficiale. Ecco perché siamo soddisfatti della decisione presa dalla direzione dello IOV, sia per quanto riguarda Padova che Castelfranco Veneto. Abbiamo ora chiesto alla Ulss2 di fare altrettanto”.

 



foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa

Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×