22 ottobre 2021

Treviso

"Stop scavi a cava Morganella", 5mila firme al sindaco di Paese

Paese non farà ricorso ma continuerà nel monitoraggio della qualità dell'acqua

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

sit-in stop Cava Morganella

L'ultimo sit-in di a Treviso di Extinction Rebellion 

TREVISO - Oltre 5mila le firme raccolte per chiedere di bloccare l’approfondimento degli scavi a cava Morganella tra Ponzano e Paese.

Le sottoscrizioni sono state raccolte dalle associazioni ambientaliste che lo scorso marzo hanno lanciato la petizione online e in queste settimane le stanno consegnando ai sindaci di Ponzano, Treviso e ora Paese per chiedere di fare ricorso al Tar contro l’autorizzazione della Regione agli scavi sotto falda passando dagli attuali 40 a 60 metri di profondità, per un totale di 4.150.000 metri cubi in 15 anni.

Lunedì una rappresentanza delle associazioni promotrici Paeseambiente, Italia Nostra, Legambiente Piavenire, Wwf Terre del Piave, IAMS Impegno e azione per un Mondo Sostenibile, XR - Extinction Rebellion Treviso e Salviamo il Paesaggio, ha consegnato nelle mani del sindaco di Paese, katia Uberti, tutte le firme raccolte.

Il sindaco di Paese confermando la contrarietà all’approfondimento della cava, ha annunciato che non farà ricorso al Tar e non affiancherà il comune di Ponzano nel ricordo al Presidente della Repubblica, ma procederà al monitoraggio costante della qualità dell’acqua.

Le associazioni contro gli scavi non hanno intenzione di fermarsi e lunedì consegneranno le firme in Regione e poi a Roma al Ministero della transizione ecologica.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×