15 luglio 2020

Treviso

Stop allo sviluppo dell'aeroporto, preoccupati i lavoratori: consegnate ai sindaci di Treviso e Quinto 550 firme

I sindaci:"Necessarie nuove infrastrutture per migliorare l'aerostazione"

|

|

consegna firme lavoratori Canova

TREVISO - Una delegazioni di lavoratori dell’aeroporto Canova di Treviso ha consegnato al sindaco Conte e al vicesindaco di Quinto Mauro Dal Zilio 550 firme in rappresentanza di oltre mille addetti che operano in 30 diverse aziende e società al servizio dello scalo, per chiedere alla politica di difendere lo sviluppo futuro dell’aeroporto.

L'iniziativa, promossa dai sindacati territoriali, è arrivata dopo lo stop imposto dal ministro dell'ambiente, Sergio Costa, all'iter di approvazione del progetto di ampliamento del Canova. “L’aeroporto necessita di tutte le strutture accessorie che permettano di migliorare l’aerostazione per chi la frequenta e per chi ci lavora, e il territorio, senza aumentare il numero di voli - ha messo in chiaro Conte - e salvare così centinaia di posti di lavoro, visto che senza masterplan si bloccherebbero gli investimenti da parte di Save”. Sulla stessa lunghezza d’onda anche il vicesindaco Dal Zilio.

“Questa infrastruttura per il capoluogo e per le imprese del nostro territorio è fondamentale e va difesa perché garantisce a cittadini e aziende una mobilità che lo stop al masterplan rischia di bloccare - hanno ribadito i sindacati - Quel che è certo è che la decisione del ministro ha intanto fermato l’intero progetto di sistemazione e messa in sicurezza della viabilità circostante, fondamentale per lo sviluppo turistico e commerciale dell’intera area”.

I rappresentanti di Treviso e Quinto hanno poi puntato il dito contro il Comitato “no” aeroporto : “A loro non importa che il Canova dia lavoro a migliaia di persone e che sia una risorsa importante sul fronte turistico, così come fingono di non sapere che nessuno intende spingere per l'aumento dei voli ma soltanto verso una crescita in equilibrio con il territorio. Servono infrastrutture e adattamenti per rendere l'aerostazione funzionale, il resto sono chiacchiere”.

 


| modificato il:

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×