07 agosto 2020

Treviso

Spot dei comuni della Locride contro il Nord: dalla Calabria centinaia di messaggi solidali al sindaco di Treviso

Conte: “In questa fase bisogna fare squadra per superare la crisi drammatica che attanaglia il settore in tutto il nostro paese"

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

Mario Conte

TREVISO - La Calabria vicina a Treviso. Dopo l’accesa polemica dei giorni scorsi sullo sport promozionale dell'associazione dei Comuni della Locride in Calabria che invitava ad andare al sud e a boicottare le spiagge del Nord, sono arrivati centinaia di messaggi di solidarietà al sindaco e presidente dell’Anci Veneto, Mario Conte, da parte di cittadini, associazioni e operatori turistici della Riviera dei Gelsomini che prendono le distanze dallo spot.

“Questa mattina ho ricevuto una telefonata dal vice presidente vicario di Anci Calabria Francesco Candia, che ha preso le distanze dallo spot promozionale delle spiagge della costa ionica che offendeva il nord e le sue località”, racconta il sindaco Conte. “Anci Calabria, ma anche l'associazione dei sindaci della Locride, Federasanità Calabria e gli operatori turistici del consorzio albergatori della Riviera dei Gelsomini hanno dimostrato sensibilità e compattezza. Ho anche ricevuto telefonate e messaggi su Facebook e lettere più formali che prendevano le distanze da questo spot”.

“Fa piacere, in particolar modo - sottolinea Conte - la solidarietà degli operatori turistici che, ogni giorno lavorano e vivono di turismo e comprendono che messaggi come questi sono dannosi in primis per la Calabria che ha luoghi bellissimi e non ha bisogno di far parlare di sé offendendo il Veneto ed il Nord”. 
“In questa fase bisogna fare squadra per superare la crisi drammatica che attanaglia il settore in tutto il nostro paese non mandare messaggi divisivi e che non corrispondono alla verità.
 Con gli amici calabresi ci siamo promessi uno scambio culturale a base di Prosecco e ‘nduja e di lavorare insieme per promuovere i nostri territori”.

Intanto a Federalberghi Calabria che oggi prende le distanze dal messaggio diffuso da Klaus Davi, "per nulla aderente al pensiero dei cittadini della Riviera dei Gelsomini", spiegano, il massmediologo e consigliere comunale di San Luca in Aspromonte, autore dello spot turistico promozionale in favore della Locride, risponde: “Di spot istituzionali non c'è traccia e gli albergatori sono abbandonati a loro stessi. Non ho nulla da replicare se non il fatto che grazie allo spot la Locride è considerata finalmente una meta mozzafiato, lo riconosce con onestà intellettuale pure chiaramente e autorevolmente il presidente Luca Zaia nei suoi comunicati, e non più o non solo come la terra descritta da fiction sui Narcos, per non parlare dei sequestri di persona. Solo per questo dovrebbero ringraziarmi”.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×