18/05/2024parz nuvoloso

19/05/2024poco nuvoloso

20/05/2024nubi sparse

18 maggio 2024

Esteri

Splashdown! La capsula spaziale Artemis 1 torna sana e salva sulla Terra

Lo storico test di volo di Artemis I sulla Luna e ritorno si è concluso con successo quando la capsula spaziale Orion senza equipaggio "Splashed down" nell'Oceano Pacifico

| Richard Brewer |

immagine dell'autore

| Richard Brewer |

Orion splashdown

Imagine NASA Live Splashdown! La capsula spaziale Artemis 1 torna sana e salva sulla Terra

USA - Domenica 11 dicembre 2022, 12:40 p.m. ET, la navicella spaziale Orion senza equipaggio "splashed down" nell'Oceano Pacifico al largo della costa della penisola messicana di Baja entro 4 km (2,1 miglia nautiche) dal punto di atterraggio bersaglio dove la nave di recupero U.S.S. Portland aspettò per raccoglierlo. Dopo 25 giorni, 10 ore e 54 minuti, viaggiando per 2,3 milioni di km (1,4 milioni di miglia) nello spazio, orbitando attorno alla Luna e raccogliendo dati che ci prepareranno a inviare astronauti nelle future missioni Artemis, l'Orion è a casa.

Spingere Orion al limite e raggiungere o superare tutti i suoi obiettivi porta a conclusione la missione Artemis I e dimostra che la NASA è pronta per ricominciare a riportare gli esseri umani nello spazio profondo.

La navicella Artemis I Orion è tornata dalla sua storica missione sulla Luna in una vampata di fuoco, entrando nell'atmosfera superiore della Terra a 40.000 km/h (25.000 mph), 32 volte la velocità del suono (Mach 32) e con lo scudo termico della capsula che ha resistito con successo temperature indotte dall'attrito di 2.649 º C (5.000 º F) ha completato con successo un obiettivo primario e una delle parti più pericolose e precedentemente non testate della missione.

Effettuando un "salto di rientro" senza precedenti, simile al salto di una pietra sulla superficie di un lago, la capsula è rimbalzata prima sull'atmosfera superiore della Terra ed è tornata nello spazio per rallentare prima di entrare una seconda volta per compiere la sua discesa finale a velocità ridotta. di soli 27.400 km/h (17.000 mph), o Mach 22. L'atmosfera terrestre ha quindi rallentato il veicolo spaziale a 523 km/h (325 mph) quando, a un'altitudine di circa 8 km (5 miglia), una serie di paracadute è stata schierato per rallentare ulteriormente la sua discesa a soli 31 km/h (19 mph) prima di "splash down" in sicurezza, completando un importante test dei sistemi di rientro Artemis.

Con il completamento con successo di questo storico volo di prova Artemis I verso la Luna e ritorno, entriamo in un nuovo capitolo dell'esplorazione lunare. La NASA ha appena compiuto il primo passo essenziale sulla via del ritorno sulla Luna e della creazione di una presenza umana permanente nello spazio profondo.

Il ritorno dell'umanità sulla Luna. La fine di questo volo di prova Artemis I senza equipaggio ha coinciso con il giorno del 50° anniversario dell'Apollo 17 sulla luna, l'ultima volta che gli astronauti della NASA hanno camminato sulla superficie lunare. Il primo volo con equipaggio è previsto con Artemis II, seguito dalla missione di allunaggio Artemis III. Mentre ci prepariamo a riportare gli esseri umani sulla superficie della Luna e stabilire una base lunare permanente, sia gli scienziati che gli appassionati di spazio sono "al settimo cielo" per l'entusiasmo e tutti noi abbiamo molto da aspettarci.

************* IN ENGLISH ***********

Splashdown! Artemis 1 space capsule safely returns to Earth

The Artemis I historic flight test to the Moon and return came to a successful conclusion as the un-crewed Orion space capsule splashed down in the Pacific Ocean

USA - On Sunday, 11 December 2022, 12:40 p.m. ET, the un-crewed Orion spacecraft splashed down in the pacific Ocean off the coast of Mexico’s Baja Peninsula within 4 km (2.1 nautical miles) of the target landing spot where the recovery ship U.S.S. Portland waited to pick it up. After 25 days, 10 hours, and 54 minutes, traveling 2.3 million km (1.4 million miles) through space, orbiting the Moon, and collecting data that will prepare us to send astronauts on future Artemis missions, the Orion is home.

Pushing Orion to the limits and meeting or exceeding all of its goals brings to a close the Artemis I mission and demonstrates NASA is ready to begin flying humans back into deep space once again.

The Artemis I Orion spacecraft returned from its historic Moon mission in a blaze of fire, entering Earth’s upper atmosphere at 40,000 km/hr (25,000 mph), 32 times the speed of sound (Mach 32), and with the capsule heat shield successfully enduring friction induced temperatures of 2,649 º C (5,000º F) it successfully completed a primary goal and one of the most hazardous and previously untested parts of the mission.

Making an unprecedented "skip reentry,” similar to skipping a stone on the surface of a lake, the capsule first bounced off Earth’s upper atmosphere and back into space to slow down before entering for a second time to make its final descent at a decreased speed of a mere 27,400 km/hr (17,000 mph), or Mach 22. Earth’s atmosphere then slowed the spacecraft to 523 km/hr (325 mph) when, at an altitude of about 8 km (5 miles), a series of parachutes were deployed to further slow its descent to only 31 km/hr (19 mph) before safely splashing down. This completed a major test of the Artemis reentry systems.

With the successful completion of this historic Artemis I test flight to the Moon and back, we enter a new chapter of lunar exploration. NASA just took the essential first step on the path toward returning to the Moon and establishing a permanent human presence in deep space.

Humanity’s return to the Moon. The end of this un-crewed Artemis I test flight coincided to the day with the 50th anniversary of Apollo 17 on the moon, the last time that NASA astronauts walked on the lunar surface. The first crewed flight is planned with Artemis II, followed by the Artemis III Moon landing mission. As we prepare to return humans to the surface of the Moon and establish a permanent Lunar base, both scientists and space enthusiasts are "over the Moon" with excitement and we all have much to look forward to.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Richard Brewer

Dello stesso argomento

immagine della news

12/09/2023

Dal Pizzoc alla Nasa

Il fotografo Filippo Silvestrin cattura l’immagine della cometa Nishimura dalla cima del Pizzoc: la pubblica la Nasa

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×