25 giugno 2021

LO SPETTRO DELLE CAVE

Uno spettro si aggira per il trevigiano. Lo spettro della riapertura delle vecchie cave.

Uno spettro si aggira per il trevigiano. Lo spettro della riapertura delle vecchie cave. Il Piano regionale, modificato a fine ottobre dalla giunta Galan, congela l’apertura di nuove aree di scavo a favore dello sfruttamento e dell’accorpamento di siti già esistenti. I cosiddetti “Ate”, ovvero zone che abbracciano più cave vicine senza distinguere tra impianti ancora attivi o abbandonati.
I cavatori hanno già annunciato che tra poco non si parlerà più di limiti percentuali per l’attività estrattiva ma che, in attesa accordare la legge regionale del 1982 con i contenuti del nuovo Piano, si farà riferimento solo a quantitativi e fabbisogno. Una prospettiva che allarma i sindaci e mette in allerta gli ambientalisti, pronti a ricorrere al Tar per difendere il limite del 3% scavabile rispetto al territorio agricolo di un singolo comune, per la verità già disatteso in molte occasioni.
Nel frattempo dalla Provincia arriva una pioggia di multe sui cavatori della Destra Piave. Gli strumenti dell’Istituto nazionale di Geofisica, assoldati da viale Battisti, hanno scandagliato i fondali delle cave dove si estrae sottofalda. E delle industrie della ghiaia sparse nell’area a nord di Treviso sembra non salvarsi proprio nessuno. La colpa? Sempre la stessa, aver scavato più in profondità di quanto concesso dalle autorizzazioni regionali.
I cavatori dovranno versare quasi 700 mila euro per aver scavato abusivamente circa 110 mila metri cubi di terreno. In sintesi, circa 6 euro per ogni metro. La multa più salata è stata affibbiata alla SuperBeton, società del gruppo Grigolin, che dovrà pagare oltre 320 mila euro. Seconda, in ordine di cifre, la ditta Biasuzzi Cave, che ne dovrà sborsare oltre 270 mila. Completano il quadro la Calcestruzzi, con 50 mila euro, e Gianni Tonini, colpito da una sanzione di oltre 30 mila euro.
Cifre irrisorie secondo i primi cittadini, che non vedranno il denaro entrare solo nelle casse della Provincia. E anche i gruppi d’opposizione a palazzo Ferro Fini alzano la voce. “Le multe, ridotte a un terzo se pagate subito, risultano irrisorie – spiega Nicola Atalmi, consigliere regionale dei Comunisti Italiani – estraendo 50 mila metri cubi in più e moltiplicandoli per 20 euro al metro, prezzo medio di vendita sul mercato, il ricavato è pari a un milione di euro con la multa ridotta a 105 mila euro che diventa irrilevante”. Ma è scontro con la categoria dei cavatori rappresentata da Gianni Tonini, presidente del gruppo estrattivo marmifero presso Unindustria. “La sanzione è proporzionata – spiega – il raffronto non va fatto con il prezzo di vendita sul mercato, ma con quello della ghiaia non lavorata, pari a circa 8 euro al metro cubo”.
Se già prima c’erano malumori, ora si allungano ombre sugli ulteriori progetti di approfondimento che proprio le imprese multate hanno presentato per alcune cave situate a nord di Treviso. Le amministrazioni locali annunciano battaglia attraverso le inchieste pubbliche. In Regione l’approvazione del Prac non è ancora arrivata e il contrasto con la legge del 1982 rischia di creare una situazione di anomia capace di giustificare anche le escavazioni più selvagge.

Mauro Favaro


Data pubblicazione:
Ultima modifica:

Argomenti del Dossier

FISSATO IL

La giunta Granello chiede 9 milioni ai cavatori

FISSATO IL "PREZZO" PER CONTINUARE A SCAVARE NELLA CAVA MORGANELLA

PONZANO – Il Comune non boccia il progetto di approfondimento della cava Morganella, ma chiede che la Regione imponga ai cavatori il pagamento al municipio di un contributo extra per ogni metro cubo scavato. Il piano prevede l'asportazione 6,4 milioni di metri cubi di ghiaia, scendendo da 40 a 65...

CAVE, L’IDV CONTRO CAVATORI E REGIONE

Zanoni e il consigliere regionale Marotta chiedono di poter approvare quanto prima un Piano Cave finora mai giunto in Consiglio regionale

CAVE, L’IDV CONTRO CAVATORI E REGIONE

TREVISO/VENEZIA - La Giunta Zaia tramite un emendamento alla finanziaria 2011 avrebbe voluto liberalizzare l’attività dei cavatori.

ECOSCAMBIO: SCAMBIA E RIUSA

Si cercano volontari per aiutare gli organizzatori. Sabato 20 novembre dalle 9.30 alle 16.30, a Dosson di fronte al Municipio

ECOSCAMBIO: SCAMBIA E RIUSA

DOSSON DI CASIER - Dopo il grande successo riscosso a Casier lo scorso 10 ottobre, il “Comitato rifiuti zero Casier” ha organizzato la seconda “Giornata dell'ecoscambio”, sempre in collaborazione con l’amministrazione comunale, anche a Dosson, in piazza Da Vinci.

Obiettivo favorire le aziende che, durante l’estate o nei weekend, assumono tramite questa forma di pagamento giovani studenti

VOUCHER PER IL LAVORO ESTIVO, RINNOVATA LA CONVENZIONE

TREVISO - Progetto “Voucher Giovani Studenti": è stata rinnovata la convenzione dell’iniziativa proposto dalla Provincia di Treviso.

CERCATORI DI ALBERI ANTICHI CERCASI

L'iniziativa l'hanno lanciata la scrittrice Paola Fantin e l'editore Roberto Da Re Giustiniani

CERCATORI DI ALBERI ANTICHI CERCASI

Treviso - Volete diventare tree scout, che tradotto significa cercatori d’alberi e vi stata chiedendo come fare?

Se na parla oggi al palazzo Bomben con i principali attori

RIFIUTI, COME GESTIRLI

Treviso - Oggi, lunedì 26 aprile alle 17.30 la Fondazione Benetton Studi Ricerche propone una non comune occasione di incontro fra gli attori locali del sistema pubblico di gestione dei rifiuti della provincia di Treviso, chiamati a confrontarsi sul tema delle buone pratiche, con l’idea di...

Il 24 e 25 aprile i più gatti con 'GattoBrando: felini a corte'

GATTI IN MOSTRA A CASTELBRANDO

Cison di Valmarino - Per i molti gattofili “GattoBrando: felini a corte” in programma il 24 e 25 aprile a Cison di Valmarino, è sicuramente un appuntamento da non perdere.

IL MIGLIOR GELATO ALLA CREMA È DI PEDRO EIS

In piazza 800 kg di gelato ai gusti crema, oltre 200 kg di gelato alla frutta e 160 kg di gelato delattosato, la novità assoluta di Gelato di Marca 2010

IL MIGLIOR GELATO ALLA CREMA È DI PEDRO EIS

Treviso – Al primo posto si è piazzata la gelateria Pedro Eis di Costantin Evelina & C. di Piero Bernardi di Castelfranco Veneto, al secondo la gelateria Dolce Ilaria di Cappello Claudio di Silea, e al terzo La Dolce vita di Manuela dal Moro di Borso del Grappa. Sono saliti sul podio domenica 18...


Altri dossier

14/11/2015

Strage di Parigi

Terrore a Parigi sconvolta venerdì sera (13 novembre 2015) da una serie di attentati.

I più Letti

del giorno
della settimana
del mese
*/ ?>
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×