24 novembre 2020

Treviso

Smog fuorilegge, la Giunta corre ai ripari

| admin |

immagine dell'autore

| admin |

L’anno scorso il valore limite giornaliero per le polveri PM 10 è stato superato per 62 volte (contro le 35 annuali accettabili) e nei primi 15 giorni del 2008 si sono osservati già 6. Per questo, la Giunta ha messo in atto misure d’emergenza almeno fino alla fine dell’inverno. Il Piano d’Azione per il risanamento ed il mantenimento della qualità dell’aria varato dall’Amministrazione dispone:

- obbligo di spegnimento dei motori degli autobus nella fase di stazionamento ai capolinea, dei motori dei veicoli merci durante le fasi di carico/scarico, in particolare nelle zone abitate, degli autoveicoli per soste di durata maggiore di un minuto in corrispondenza di particolari impianti semaforici e di passaggi a livello, dei mezzi di trasporto su ferro con motrice diesel durante le soste;

- divieto delle combustioni all’aperto, in particolare in ambito agricolo e di cantiere, con l’eccezione dei tralci da potatura, se soggette ad obbligo di combustione per disposizione regionale con finalità antiparassitaria;

- divieto di climatizzazione di cantine, ripostigli, box, garage, depositi, scale primarie e secondarie che collegano spazi di abitazione con cantine, box, garage;

- abbassamento della temperatura di almeno 1° C negli ambienti di vita e riduzione di 2 ore del periodo giornaliero di accensione degli impianti termici, con un massimo di 12 ore totali di accensione giornaliera, per gli impianti non alimentati a combustibile gassoso oppure a combustibile a basso impatto ambientale (gasolio a basso tenore di zolfo (10 – 50 mg/Kg); combustibile “Aquadiesel”; combustibile “Gecam”; “biodiesel”);

- divieto dell’utilizzo di soffiatori per la pulizia delle strade. Tali disposizioni resteranno in vigore fino al 31 marzo 2008.

 



foto dell'autore

admin
inserire qui una descrizione del giornalista

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Treviso
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×