01 giugno 2020

Esteri

Sindaco viola il lockdown per ubriacarsi con gli amici, poi si finge morto stendendosi in una bara per eludere i controlli

| commenti |

| commenti |

Sindaco viola il lockdown per ubriacarsi con gli amici, poi si finge morto stendendosi in una bara per eludere i controlli

La foto del sindaco che ha fatto il giro del web

E andato a ubriacarsi con gli amici e, quando ha visto arrivare la polizia, si è disteso in una bara, fingendosi morto per eludere i controlli. Costerà cara la bravata al sindaco di una cittadina del Perù che, in piena emergenza Coronavirus, non si è trattenuto dal far festa con gli amici.

 

I fatti sono stati riportati dal quotidiano peruviano La Repubblica: il primo cittadino di Tantarà nei giorni scorsi, infrangendo le regole in vigore in questo periodo di pandemia, ha passato una serata insieme agli amici. E quando aveva già un bel po’ d’alcol in corpo ha visto arrivare la polizia, che passava di lì per i controlli di routine. La prima cosa che gli è venuta in mente è stata quella di fingersi morto. Con la mascherina addosso, si è steso su una bara che era accatastata ad altre lì vicino, probabilmente preparata per le persone uccise dal virus, che anche in Perù sta mietendo molte vittime.

 

L’espediente però non ha funzionato e il sindaco è stato portato in commissariato. Ora per lui saranno guai. 

 

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×