15 aprile 2021

Cronaca

Shoah, Emanuele Filiberto: "Chiedo perdono a nome di tutta la famiglia"

Lo fa in una lettera "nel ricordo di quelle sacre vittime italiane"

|

|

Shoah, Emanuele Filiberto

ITALIA - Il principe Emanuele Filiberto di Savoia chiede "ufficialmente e solennemente perdono" alla comunità ebraica per lo sterminio nazista. Lo fa, a nome di tutta la sua famiglia, in una storica lettera scritta a nome della famiglia Savoia, letta al Tg5 delle 20. Il Principe, a pochi giorni dalla 'Giornata della Memoria' chiede scusa per le leggi razziali firmate da Re Vittorio Emanuele III, suo bisnonno.

"Mi rivolgo a tutti voi, fratelli della Comunità ebraica italiana, per esprimervi la mia sincera amicizia e trasmettervi tutto il mio affetto nel solenne 'Giorno della Memoria'. Vi scrivo a cuore aperto una lettera certamente non facile, una lettera che può stupirvi e che forse non vi aspettavate. Eppure sappiate che per me è molto importante e necessaria, perché reputo giunto, una volta per tutte, il momento di fare i conti con la Storia e con il passato della famiglia che oggi sono qui a rappresentare, nel nome millenario di quella casa reale che ha contribuito in maniera determinante all'unità d'Italia, nome che orgogliosamente porto", si legge nella missiva.

"Scrivo a voi, fratelli ebrei, nell'anniversario della liberazione del campo di concentramento di Auschwitz, data simbolo scelta nel 2000 dal parlamento della Repubblica italiana, a memoria perpetua di una tragedia che ha visto perire per mano della follia nazi-fascista 6 milioni di ebrei europei, di cui 7500 nostri fratelli italiani - scrive Emanuele Filiberto -. E' nel ricordo di quelle sacre vittime italiane che desidero oggi chiedere ufficialmente e solennemente perdono a nome di tutta la mia famiglia. Ho deciso di fare questo passo, per me doveroso, perché la memoria di quanto accaduto resti viva, perché il ricordo sia sempre presente".
 

 


| modificato il:

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×