18/04/2024nubi sparse

19/04/2024velature lievi

20/04/2024pioviggine e schiarite

18 aprile 2024

Ambiente

Serenissima Ristorazione acquista crediti di sostenibilità per assorbimento 100 t di CO2.

| AdnKronos |

| AdnKronos |

Serenissima Ristorazione acquista crediti di sostenibilità per assorbimento 100 t di CO2.

Vicenza, 21 feb. -(Adnkronos) - Serenissima Ristorazione, tra i Gruppi leader nel settore della ristorazione collettiva e commerciale, con 14 società collegate, più di 10.500 dipendenti e un fatturato in crescita che nel 2023 supererà i 500 milioni, ha ricevuto a Parma l’attestato per l’acquisto di 100 crediti di sostenibilità, per l’assorbimento di 100 tonnellate di CO2 dall’atmosfera, nell’ambito del progetto “Piattaforma di compravendita dei Crediti di Sostenibilità” ideato dal comitato del Parco dell'Appennino Tosco-Emiliano.

Il Gruppo Serenissima è l’unica azienda del Veneto a rispettare i requisiti richiesti dal Parco per l’acquisto dei crediti di sostenibilità, che contribuiscono a sostenere economicamente la gestione sostenibile di oltre 26mila ettari di foresta. Serenissima Ristorazione è inoltre attivamente impegnata nella lotta al cambiamento climatico attraverso azioni concrete, quali giornate a tema contro lo spreco del cibo negli istituti scolastici, acquisto di alimenti di stagione a filiera corta, utilizzo di carburanti ecosostenibili, produzione di energia pulita e altre attività legate alla tematica.

Serenissima Ristorazione utilizzerà, quindi, i crediti acquistati per abbattere ulteriormente le emissioni che derivano dal proprio processo produttivo. “Riteniamo che le azioni concrete intraprese abbiano un impatto positivo misurabile sull'ambiente e, di conseguenza, sulla qualità della vita di tutti noi - commenta Tommaso Putin, Vice Presidente del Gruppo Serenissima Ristorazione - Siamo orgogliosi di rappresentare la nostra Regione, essendo presenti come unica azienda del territorio, diventando partner del Parco al fine di agire attivamente e in maniera pragmatica per testimoniare il nostro impegno nel salvaguardare l'ambiente. Al contempo, la nostra adesione al programma racconta in prima persona i valori che da decenni caratterizzano la nostra realtà imprenditoriale”.

“Oggi, il Parco nazionale dell’Appennino tosco-emiliano - commenta Giuseppe Vignali, direttore del Parco - è la prima area protetta europea che può vantare il doppio riconoscimento FSC e PEFC per la gestione forestale sostenibile/responsabile e per i servizi ecosistemici biodiversità, acqua, suolo, servizi turistico-ricreazionali e carbonio forestale. Il Parco, in qualità di capofila di un gruppo di ben 30 proprietari e gestori forestali, ha saputo in questi anni coinvolgere, aggregare e indirizzare positivamente la gestione di oltre 26.000 ettari di superficie verso ambiziosi programmi di gestione forestale coerente con i principi e i criteri della sostenibilità. Una gestione che ha visto certificato l’equilibrio tra la tutela ambientale, l’equità sociale e l’efficienza economica come richiesto dagli standard da Fsc e Pefc. Sebbene le foreste del Parco rappresentino certamente un legame forte tra noi e il nostro passato, quindi la nostra identità, con questa operazione il Parco nazionale ha saputo interpretare al meglio la strategia nazionale forestale promuovendo su area vasta una gestione attenta non solo alle esigenze delle generazioni di oggi ma anche nei confronti delle aspettative delle generazioni che verranno mettendo al centro della gestione forestale i loro servizi ecosistemici”.

Serenissima Ristorazione ha potuto procedere all’acquisto dei crediti di sostenibilità perché rispettosa dei criteri di ammissione, tra cui: essere tra le aziende certificate secondo il regolamento Emas, strumento volontario di certificazione ambientale rivolto ad aziende ed enti pubblici per la valutazione, la relazione e il miglioramento delle prestazioni ambientali; essere tra le aziende che hanno quantificato la propria impronta di carbonio di prodotto/servizio (Iso 14067) con certificazioni rilasciate da soggetti terzi accreditati da Accredia (ente governativo) e contestualmente hanno implementato una strategia climatica; essere tra le aziende con sistema di gestione ambientale certificato secondo la Iso 14001.

In anticipo rispetto alla Direttiva Europa Csrd, che dal 2025 lo renderà obbligatorio per le aziende di grandi dimensioni, Serenissima Ristorazione, a fine 2023, ha presentato il suo primo Bilancio di Sostenibilità, che rappresenta le buone pratiche per la reportistica pubblica in merito a una gamma di impatti economici, ambientali e sociali. Tale documento di analisi si pone l’obiettivo di analizzare e orientare le azioni di sviluppo e d’investimento aziendali verso un approccio che le renda sempre più inclusive e sostenibili, mettendo a conoscenza gli stakeholder in maniera trasparente dell’impegno concreto di Serenissima Ristorazione verso l’ambiente e la società.

Progetti realistici e obiettivi concreti, ispirati dall’Agenda 2030 stabilita dall’Onu, caratterizzano le azioni che verranno intraprese da Serenissima Ristorazione, per continuare un percorso già ben avviato da anni in favore della sostenibilità ambientale, economica e sociale. Con il progetto “Piattaforma di compravendita dei Crediti di Sostenibilità” il Parco nazionale e la Riserva di Biosfera “Appennino Tosco-Emiliano” intendono perseguire il triplice obiettivo di promuovere la Gestione Forestale Sostenibile/Responsabile su area vasta, nonché azioni a favore dell’erogazione addizionale di servizi ecosistemici con lo scopo potenziare il livello di biodiversità delle foreste della Riserva, il loro adattamento nei confronti degli effetti negativi della crisi climatica; migliorare l’azione di mitigazione del cambiamento climatico implementando gli stock di Carbonio nei serbatoi forestali attraverso il perfezionamento della capacità di assorbimento e stoccaggio dell’anidride carbonica e la riduzione delle emissioni in atmosfera; offrire alle aziende uno strumento trasparente e affidabile per compensare gli impatti ambientali prodotti dai loro cicli produttivi e dalle loro organizzazioni, che non siano attualmente eliminabili o riducibili in altro modo.

La Riserva della Biosfera Appennino Tosco-Emiliano, riconosciuta dall’Unesco nel 2015 come parte della Rete delle Riserve della Biosfera MAB, e oggetto di un importante allargamento nel 2021, è oggi la più grande d’Italia con oltre il 70% della biodiversità nazionale ed estendendosi su 80 Comuni appartenenti alle province di Modena, Reggio Emilia, Parma, Lucca, Massa Carrara e la Spezia.

 



AdnKronos

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×