29/05/2024nuvoloso

30/05/2024pioggia

31/05/2024temporale

29 maggio 2024

Vittorio Veneto

Seggi elettorali soppressi a Nove e a Formeniga, “Ennesimo servizio tolto alla comunità”

La denuncia di Rinascita Civica-Partecipare Vittorio

| Claudia Borsoi |

immagine dell'autore

| Claudia Borsoi |

Seggi elettorali soppressi a Nove e a Formeniga, “Ennesimo servizio tolto alla comunità”

VITTORIO VENETO – Il comune di Vittorio Veneto, in vista dell’appuntamento elettorale dell’8 e 9 giugno quando si voterà anche per il rinnovo del consiglio comunale, ha comunicato fin d’ora che i seggi elettorali di Nove (il numero 5, circa 600 elettori) collocato nell’ex scuola elementare di via Lapisina e di Formeniga (il numero 33, circa 850 elettori) posto nella scuola dell’infanzia della frazione sono soppressi. E gli elettori di questi due seggi si recheranno in altri luoghi per votare, i primi nella scuola primaria Manzoni a Forcal, i secondi nella scuola primaria Costella dei Vendran.

 

Per il gruppo Rinascita Civica-Partecipare Vittorio si tratta di un errore e di una mancata attenzione verso chi vive nelle periferie non dotate di collegamenti con i mezzi pubblici verso le aree centrali della città.

 

«La giunta sostiene di aver seguito direttive del ministero dell'interno, sottolineando anche la difficoltà a garantire acqua calda e bagni riscaldati come per legge. Molti invece sono coloro che sostengono che tali decisioni andranno concretamente a limitare il diritto di voto alle prossime elezioni – affermano per il gruppo Gianluca Piccin ed Enrico Padoan -. Molti residenti dei quartieri della Val Lapisina e di Formeniga sono di età avanzata e gli spostamenti sono difficoltosi, oltre che pericolosi. Sottolineiamo altresì la mancanza di trasporti pubblici utili per recarsi alle urne: d'altronde, i trasporti rappresentano una criticità costante e quotidiana per chi vive a Formeniga e in Val Lapisina. Si pensi ad esempio ai residenti della Val Lapisina: chi non ha la patente è costretto a camminare fino alla fermata di Savassa, in mancanza di un passaggio da parte di qualche vicino».

 

«Va quindi posta l'attenzione sull'ennesimo servizio che viene tolto alla comunità: addirittura il seggio elettorale, tolto per di più alle zone che presentano maggiori problemi. Se ci sono dei motivi tecnici di qualunque natura, crediamo che un comune dovrebbe pensare a dei rimedi. Ci chiediamo anche – incalzano gli esponenti di Rinascita Civica-Partecipare Vittorio - perché il problema si pone soltanto adesso per queste due aree, ed in particolare per la Valle, dato che sono oramai anni che le scuole di Nove sono chiuse e che vengono usate soltanto per le votazioni. Abbiamo sentito l’amministrazione uscente parlare spesso di “rivalutazione del territorio” o di “difesa dei territori comunali”, salvo poi complicare qualcosa di tanto significativo come l’esercizio del diritto di voto. Vale la pena costringere i residenti a tali disagi per risparmiare su un po' di acqua calda?»

 



 

 



foto dell'autore

Claudia Borsoi

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×