29 ottobre 2020

Treviso

Scuola: "Tamponi rapidi in classe per evitare la chiusura "

Il Dg Benazzi: "Per far rientrare a scuola i bambini si prenda in considerazione l'esito del tampone senza dover tornare dal pediatra per il certificato"

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

tamponi ex dogana Treviso

TREVISO - Con l’apertura delle scuole e la messa in quarantena delle classi, altre nove solo oggi in Provincia di Treviso, il bisogno di effettuare tamponi è aumentato notevolmente. E i risultati, purtroppo negativi, si sono visti nel primo giorno di apertura dell’ambulatorio nell’area ex Dogana per i test in modalità drive-in.

“A fronte di un’organizzazione dei punti tampone che era tarata sulla base dei flussi registrati fino alla scorsa settimana, con una media giornaliera di 400 tamponi effettuati dagli operatori – spiega il direttore generale dell’Ulss2 Francesco Benazzi - la riapertura di scuole e asili ha determinato un arrivo massiccio di bambini, mandati dai pediatri anche in modo eccessivo che ha fatto incrementare gli accessi”. Su questo il dirigente dell'azineda ospedaliera Benazzi ha ribadito la necessità e l’importanza che anche i pediatri possano fare i tamponi così da non dover costringere genitori e figli ad inutili attese in auto nei 4 punti tamponi installati nella Marca.

“L’idea è quella di chiedere al Ministero della Salute di permettere il tampone rapido in classe per gli studenti - ha spiegato Benazzi in attesa di stilare venerdì prossimo nel corso del Cest un protocollo ad hoc - e se non dovesse essere possibile effettuarlo a scuola che almeno si ritenga valido l’esito del tampone per rientrare a scuola, senza dover ripassare necessariamente dal pediatra per il certificato medico. Se c'è un caso positivo in una classe, ad esempio, sarebbe ottimale isolare subito l'eventuale positivo ed effettuare immediatamente uno screening a tutti i compagni così da non dover fermare l’intera classe. Non vogliamo arrivare ad un nuovo blocco della scuola”. 

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×