21/04/2024pioggia e schiarite

22/04/2024pioggia

23/04/2024pioggia debole

21 aprile 2024

Treviso

Scoprono alle Bahamas i soldi dell'azienda trevigiana

Intervento della Guardia di Finanza che indaga per evasione fiscale

| Gianandrea Rorato |

| Gianandrea Rorato |

Scoprono alle Bahamas i soldi dell'azienda trevigiana

TREVISO - Le Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Treviso hanno rintracciato alle Isole Bahamas parte dei proventi dell’evasione fiscale realizzata, tra il 2015 e il 2018, da una società trevigiana, grazie all’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, emesse da un soggetto giuridico di diritto maltese per circa 1,5 milioni di euro. I due soci dell’impresa, pertanto, sono stati denunciati alla locale Procura della Repubblica non solo per il reato di dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture per operazioni economiche fittizie, ma anche per il più grave reato di autoriciclaggio, atteso che parte dei proventi dell’evasione, pari a circa 285 mila euro, su un ammontare di risparmio d’imposte pari a 700 mila euro, è stata rintracciata in due distinti conti correnti, intestati a nomi di fantasia, che i due indagati avevano aperto nelle isole caraibiche.

Il Giudice per le Indagini Preliminari di Treviso, alla luce del grave quadro indiziario acquisito dai finanzieri del Gruppo Treviso, con l’ausilio del II Reparto del Comando Generale della Guardia di Finanza, competente per i rapporti con l’estero, ha disposto il sequestro preventivo per equivalente dei proventi illeciti riciclati all’estero. Il provvedimento è stato immediatamente eseguito dalle Fiamme Gialle, che hanno cautelato disponibilità finanziarie riconducibili ai due imprenditori, detenute in conti correnti nazionali, per 285 mila euro, pari al provento del reato di autoriciclaggio. Le indagini hanno preso le mosse da una verifica fiscale nei confronti di una società, con sede in provincia di Treviso, attiva nel commercio di software e applicativi informatici. Nonostante l’apparente regolarità della contabilità, a insospettire i finanzieri sono stati i rapporti commerciali con un’azienda maltese, a sua volta partecipata da una società con sede in Liechtenstein, che aveva emesso, nei confronti della società trevigiana, fatture per 1,5 milioni di euro, per l’utilizzo di un software di cui l’impresa maltese sarebbe stata licenziataria. Grazie alla cooperazione internazionale, si è scoperto che il pagamento delle fatture era avvenuto prevalentemente con bonifici su un conto corrente acceso in Repubblica Ceca; da qui il denaro, attraverso una fiduciaria, era transitato a Dubai, negli Emirati Arabi, e, infine, riaccreditato, per 285 mila euro, su due conti di una banca delle Bahamas, territorio qualificato come “paradiso fiscale”, che però, a decorrere dal 2019, collabora con l’Italia e favorisce lo scambio delle informazioni, come è avvenuto in questo caso.


Iscriviti alla Newsletter di OggiTreviso. E' Gratis

Ogni mattina le notizie dalla tua città, dalla regione, dall'Italia e dal mondo


 

 


| modificato il:

Gianandrea Rorato

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×