26 febbraio 2020

Treviso

"Lo scontrino elettronico farà chiudere le piccole attività": artigiani trevigiani sul piede di guerra

La proposta di Casartigiani Treviso: "Esonero per le micro attività che fatturano meno di 30 mila euro all’anno"

Isabella Loschi | commenti |

immagine dell'autore

Isabella Loschi | commenti |

scontrino elettronico

TREVISO - “Lo stato preferisce che I piccoli artigiani chiudano una piccola attività per lavorare in nero, o conviene che nel loro piccolo continuino a lavorare e a pagare le tasse?” A chiederlo è Salvatore D’Aliberti, direttore di Casartigiani Treviso che contesta le normative imposte dal governo a partire dal 1 gennaio, lo scontrino elettronico e il registratore telematico.

Casartigiani Treviso lancia l’allarme per gli effetti che questi due nuovi provvedimenti comportano per i piccoli imprenditori. “Più volte come Casartigiani Treviso abbiamo sottolineato le difficoltà per migliaia di artigiani e commercianti di adeguarsi alle normative imposte dal governo, ma dobbiamo constatare come Rete Impresa Italia e le confederazioni nazionali siano insensibili ai problemi dei piccoli imprenditori del territorio”.

L’applicazione del registratore telematico presso le piccole aziende oltre a comportare costi aggiuntivi complica lo svolgimento della attività. Aumenta la burocrazia e di conseguenza il tempo da dedicare alle incombenze amministrative. “Anche i recenti spot pubblicitari sui premi destinati a chi riceve lo scontrino dopo aver dato i propri dati anagrafici suonano come una presa in giro”, tuona D’Aliberti.

“Se lo scontrino elettrico è nato per contrastare l’evasione, il risultato rischia invece di essere diverso. Questa politica voluta dai governi precedenti e ripresa da quello oggi in carica, al contrario incoraggia il lavoro nero e l’elusione fiscale. Ad essere penalizzati” - sottolinea D’Aliberti - "sono soprattutto i piccoli artigiani ed esercenti, in particolare imprese con titolari anziani, poco avvezzi all’utilizzo di internet, o che magari in negozio nemmeno hanno la linea. Molti di loro a giugno, quando finirà il periodo transitorio, chiuderanno bottega”.

 Il provvedimento rischia dunque di rappresentare un boomerang per la categoria, che con la moria di molti piccoli negozi non porterà certo più risorse nelle casse pubbliche.

“Ci appelliamo ai politici trevigiani e regionali affinché intervengano per modificare questa distorsione, e proporre l’esonero dell’applicazione del registratore telematico per le micro attività che fatturano meno di 30 mila euro all’anno. L’evasione che si vuole combattere non è in queste attività marginali, ma in ben altre società con sedi all’estero”.

 



foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×