29/05/2022pioviggine e schiarite

30/05/2022nubi sparse

31/05/2022nubi sparse

29 maggio 2022

Nord-Est

Scialpinista cade e si frattura tibia e perone

Altro intervento nel pomeriggio per un trauma cranico occorso a un ciclista

| Gianandrea Rorato |

| Gianandrea Rorato |

foto d'archivio

UDINE - Tra le 14 e le 17 si sono svolte due operazioni del Soccorso Alpino e speleologico, la prima a Ugovizza, per uno scialpinista, la seconda a Opicina, per un ciclista.

La Sala operativa regionale per le emergenze sanitarie (Sores) è stata allertata poco prima della 14 su chiamata di due sciatori, uno dei quali si è procurato una frattura di tibia e perone nella parte conclusiva della discesa dalla Cima Bella, classico itinerario scialpinistico sopra Ugovizza molto frequentato.

L'uomo, un sessantatreenne di Faedis, stava passando su un ponticello ed ha riferito di essere caduto quasi da fermo: l'attacco non si è sganciato e la forte torsione gli ha procurato la frattura dell'arto inferiore destro. Probabile causa dell'incidente uno strato di ghiaccio non visto. Sul posto si sono portate le squadre di Cave del Predil del Soccorso Alpino, i soccorritori della Guardia di Finanza e l'elisoccorso regionale. E' stato quest'ultimo ad effettuare il recupero dell'infortunato, calando direttamente sul ponticello il tecnico di elisoccorso e il medico con una verricellata di 50 metri. L'uomo è stato imbarellato nel sacco a depressione e recuperato a bordo per essere consegnato all'ambulanza giunta poco sotto sulla strada.
(disponibile un video del recupero, inviare richiesta al cellulare qui sotto riportato)

Trieste
Poco dopo le 16 si è verificato il secondo incidente a Opicina, nella zona Banne - Campeggio Obelisco Opicina. Qui un ciclista del 1969 si è procurato un forte trauma cranico perdendo il controllo della bici a causa di uno scolo dell'acqua e finendo sbalzato di qualche metro. L'uomo è rimasto sempre cosciente, essendo solo è riuscito a chiamare lui stesso i soccorsi, ma l'impatto è stato forte perché non era dotato di casco e gli ha procurato emorragie.
Sul posto sei soccorritori della stazione di Trieste del Soccorso Alpino, l'automatica, l'ambulanza da Cattinara e i Vigili del Fuoco. L'uomo è stato imbarellato e condotto dai soccorritori fino all'ambulanza.

 



Gianandrea Rorato

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×