26 novembre 2020

Vittorio Veneto

Il san Boldo come Woodstock

Il Pamali Festival compie 10 anni. Di musica, colore, amicizia, spettacolo e biogastronomia

|

|

Il san Boldo come Woodstock

Parola d’ordine? Evasione. Tenetela a mente. Ripetetela salendo i tornanti che portano al passo-varco del San Boldo. Canticchiatela mentre scegliete per l’occasione gli abiti più comodi che avete. Ripassatela prima di farvi coinvolgere nell’avventura.

Dall’8 all’11 agosto - notte delle stelle cadenti inclusa nel programma - aprirà danze e stand biogastronomici il Pamali festival. Imperdibile kermesse di musica, spettacolo, performance, sperimentazioni, il Pamali da dieci anni trasforma una suggestiva, ma fin troppo tranquilla, località ai margini del bosco che sposa i territori di Tovena e Trichiana in un palcoscenico d’arte vitale. I ragazzi lo sanno. Il passaparola funziona quando ne vale la pena, e funziona di più se avviene attraverso il tam tam dei social. 

Da dieci anni il Pamali è un appuntamento irrinunciabile, che attira giovani da ogni parte del Triveneto e oltre.
Una manifestazione ecosolidale che è cresciuta e che si è fatta conoscere grazie alla qualità delle proposte, agli ospiti, all’entusiasmo degli organizzatori e alla forza dei cinquanta volontari che lo sostengono.

“Il programma completo del festival - fanno sapere gli organizzatori - sarà annunciato nelle prossime settimane e conferma lo spirito che lo ha caratterizzato finora, con un’attenta proposta di live, dj set e incontri con i più interessanti nomi della scena internazionale, nazionale e locale tra rock, indie, elettronica”. L’intenzione, già collaudata con successo nelle passate edizioni, è di dar vita a quattro giorni e quattro notti di evasione a contatto con la natura della splendida Valbelluna.

I 10  anni del Pamali festival verranno dunque festeggiati in “un’atmosfera vibrante con una miscela di musica, performance, incontri, relax, cibo e festa”.

Il Pamali offrirà infatti, lungo tutto l’arco della giornata, anche un ricco programma di workshop creativi.

L’area market di prodotti artigianali, l’area food & beverage pensata per soddisfare tutte le esigenze, con un ampio spazio alla cucina biologica (tra i progetti dell’Associazione Pamali Project la Bio Pizza, nata dalla passione per gli ingredienti biologici e dalla volontà di promuovere il consumo consapevole di prodotti locali e di sana qualità), l’area camping saranno tra i punti di forza dell’evento.

Tra i primi headliner annunciati: The Sweet Life Society,  pionieri dell’electro swing italiano e Train to Roots, una delle band più rinomate della scena reggae italiana che ha già conquistato il pubblico di centinaia di concerti in tutta Europa. Grandi nomi e nuove scoperte musicali: TribalNeed, Mahout.

Nel sito internet Pamali.it e nella pagina facebook Pamalifestival sarà possibile seguire in diretta l’evolversi di una manifestazione dove anche le sorprese sono benvenute, ma soprattutto dove si esibiranno cento artisti.

Il Pamali Project: carta d’identità

Pamali Project è un movimento culturale fondato nel 2010 e sviluppato annualmente attraverso la promozione di performance artistiche nazionali ed internazionali, mostre, dibattiti e laboratori, con particolare attenzione nell'affiancare opere ed artisti emergenti, a realtà affermate, promuovendo in tal modo la circolazione di nuovi talenti e opere inediti.Il progetto è basato sulla convinzione che lo scambio interpersonale di informazioni, esperienze e competenze sia fondamentale per creare una consapevolezza individuale e di conseguenza collettiva, che possa portare ad uno sviluppo sostenibile e più responsabile.

Aspetto importante del progetto è la divulgazione e la spinta alla circolazione delle informazioni relative all’ecosostenibilità, attuata relazionando il territorio e l’uomo, attraverso l’analisi della produzione / trasformazione delle materie prime in ambito alimentare ed energetico e promuovendo iniziative artistiche in ambito di riciclaggio dei materiali.

"Il nome Pamali sta per "Pace, Amore e Libertà", abbiamo adottato queste tre parole per comporre il nome del nostro più amato impegno: la creazione di uno spazio in cui fondere arte e musica, sperimentazione, partecipazione e valorizzazione del territorio".

Il progetto infatti, coordinato da un team di persone costantemente al lavoro e realizzato grazie ai tanti volontari, che puntualmente si mettono a disposizione per concretizzare le varie iniziative, crea una realtà aggregativa e una partecipazione attiva delle persone che spesso si trasforma in un'opportunità di formazione individuale alternativa, sia dal punto di vista sociale che lavorativo; questo è reso possibile dalla presenza nel progetto di valide persone con diverse competenze in materia di artigianalità, comunicazione web, arte, spettacoli e scenografie.

Attualmente il Pamali Project è composto da un team di riferimento formato da una decina di persone, di diversa età e specializzazione, le quali offrono con passione la loro professionalità per coinvolgere a loro volta numerosi altri gruppi di persone, che partecipano attivamente alle iniziative promosse.

L'evento che per eccellenza rappresenta il movimento è il PAMALI Festival, realtà con cadenza annuale che vede la partecipazione di una cinquantina di volontari attivi e più di cento artisti che in quattro giorni, confrontandosi e lavorando in sinergia, danno vita ad uno spettacolo mozzafiato.

 



Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×