29/06/2022possibili piogge

30/06/2022poco nuvoloso

01/07/2022poco nuvoloso

29 giugno 2022

Benessere

Salute: progetto Gimbe per alfabetizzare ragazzi contro fake news.

| AdnKronos |

| AdnKronos |

Salute: progetto Gimbe per alfabetizzare ragazzi contro fake news.

Roma, 17 giu. (Adnkronos Salute) - La Fondazione Gimbe lancia un progetto di alfabetizzazione sanitaria dei ragazzi, 'La salute tiene banco', presentato ieri a Rimini al Web Marketing Festival 2022. L'obiettivo è diffondere agli studenti del nostro Paese l’approccio globale alla salute dove, accanto alla salute individuale, è indispensabile tutelare quella dei servizi sanitari e del pianeta. "La salute individuale, infatti, è condizionata da fattori genetici, ambientali e socio-economici – afferma Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe – oltre che da stili di vita e interventi di prevenzione, diagnosi, terapia, riabilitazione. La salute del nostro Servizio sanitario nazionale dipende dalla sua capacità di offrire in maniera efficiente prestazioni sanitarie efficaci e appropriate secondo princìpi di universalità, uguaglianza ed equità, oltre che da un utilizzo informato da parte di cittadini e pazienti; la salute del pianeta dipende dalla nostra capacità di salvaguardare l’ambiente rispetto ai cambiamenti climatici e all’inquinamento, non solo tramite decisioni politiche, ma anche con i comportamenti individuali".

Il progetto vuole inoltre migliorare il livello di alfabetizzazione sanitaria dei giovani e fornire gli strumenti per contrastare le fake news sulla salute, tramite incontri destinati agli studenti della scuola secondaria di secondo grado, mirati ad approfondire le dinamiche di funzionamento della sanità pubblica e le conoscenze per una gestione consapevole del proprio benessere e della propria salute. Gli incontri saranno condotti dai membri della Faculty multiprofessionale Gimbe costituita da medici, infermieri, fisioterapisti esperti di sanità pubblica e metodologia della ricerca.

'La Salute tiene banco' prenderà il via nell’anno scolastico 2022-2023 grazie ad un contributo della Banca di Bologna: "Entro il 2025 – conclude Cartabellotta - vogliamo portare il progetto in oltre 100 scuole su tutto il territorio nazionale: un obiettivo ambizioso, che richiede risorse e sostegno da parte dei cittadini e di organizzazioni pubbliche e private".

 



AdnKronos

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×