21/05/2024pioggia

22/05/2024nubi sparse e temporali

23/05/2024pioggia debole e schiarite

21 maggio 2024

Vittorio Veneto

Via Rizzera, l’idea vincitrice non convince i residenti

Miatto rassicura: “Siamo alla fase delle idee, non del progetto. Ci sarà concertazione”

| Claudia Borsoi |

immagine dell'autore

| Claudia Borsoi |

Via Rizzera

VITTORIO VENETO – Sotto alla lente le undici idee, ed in particolare quella vincitrice del concorso indetto dal comune di Vittorio Veneto, per via Rizzera. Stamane, venerdì, nella sala di rappresentanza del municipio, dove già da tempo sono esposti gli elaboratori, l’amministrazione comunale ha voluto pubblicamente presentare l’esito del concorso indetto a fine 2021 per la riqualificazione di via Rizzera. In sala c’era anche l’architetto Davide Felloni di Ferrara, la cui idea ha convinto più di tutte la giuria. Tra il pubblico pure dei residenti. «Uno scempio togliere le piante nel controviale – ha denunciato una residente di via Rizzera -. Indiremo una petizione tra i residenti per capire cosa ne pensano». «Si tratta di idee, non di un progetto – ha rassicurato il sindaco Antonio Miatto -. Sarà compito del prossimo sindaco procedere con la progettazione quando ci saranno i soldi». «Nessun albero con più di vent’anni di vita sarà toccato – ha rassicurato l’architetto Felloni interpellato dalla residente -. Ci saranno naturalmente dei tavoli partecipati con chi vive il luogo».

 

L’idea vincitrice del concorso ha convinto la giuria perché oltre ad affrontare e risolvere alcune criticità indicate nel bando, come illuminazione, riqualificazione del verde, messa in sicurezza di alcuni tratti stradali, realizzazione di spazi per la sosta e mantenimento del doppio senso di marcia, ha affrontato via Rizzera in un modo diverso, con un cambio di prospettiva. «Porta la parte pedonale, per un tratto, al centro del viale – ha esemplificato la dirigente comunale ingegner Alessandra Curti – e a margine le auto, oltre ad aver posto attenzione negli elementi di arredo. Inoltre non c’è rigidità negli spazi». Ma è stato propria l’idea del tratto pedonale posto a centro strada sul modello de Las Ramblas di Barcellona a non convincere chi abita in via Rizzera. «Ci troveremo con i pullman che passano davanti alle case – ha evidenziato una residente -. Gli alberi secolari dei nostri giardini privati soffriranno per la vicinanza del transito delle auto». «L’idea – ha chiarito il progettista – è un embrione e l’evoluzione del progetto dovrà essere partecipato».

 

Il sindaco Antonio Miatto ha evidenziato come la riqualificazione del viale potrà incidere sulla vivibilità della via e anche in una chiave economica, magari innescando un interesse negli edifici vuoti, in particolare l’ex biscottificio Colussi e la Consolata.

L’idea vincitrice è stata apprezzata dalla giuria perché “è un progetto che pur mantenendo i contenuti dei criteri, introduce una nuova visione del viale, definendo anche dei nuovi principi formali e aggregativi. Il progetto pone attenzione agli innesti, agli spazi di prossimità, alla gerarchia dei percorsi. Il progetto inoltre dimostra un accurato rilievo dello stato di fatto che si traduce in un progetto misurato della strada. Vengono coniugati il principio ambientale, della socialità e della mobilità. Garantisce una idonea dotazione di parcheggi”. Chi volesse prenderne visione, può accedere alla sala di rappresentanza negli orari di apertura del municipio.

 

«Per la giunta Miatto è scattata l'ora della campagna elettorale – commentano i consiglieri Mirella Balliana e Alessandro De Bastiani di Rinascita Civica -. In questo periodo è impegnata ad illustrare progetti e proposte non attuati nei cinque anni trascorsi alla guida della città. Uno fra tutti, il concorso di idee per il progetto di riqualificazione di via Rizzera che ha prodotto solo degli elaborati di massima. Oltre a questo concorso, non un centesimo è stato stanziato a bilancio in cinque anni per la sistemazione di questo viale storico. Ma ora la giunta Miatto ha pensato bene di presentare alla stampa e al pubblico quello che per due anni è stato chiuso in un cassetto e che comunque nulla sortirà in termini di interventi riqualificativi perché nulla è stato stanziato a bilancio. Nei prossimi mesi continueremo ad assistere solo alla presentazione di idee perché in città nulla di concreto è stato realizzato».

 



 

 


| modificato il:

foto dell'autore

Claudia Borsoi

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×