05/12/2022pioggia

06/12/2022nubi sparse

07/12/2022sereno

05 dicembre 2022

Cronaca

Rider muore investito durante una consegna, l’azienda lo licenzia per “mancato rispetto dei termini”

Poi la lettera di scuse: “Messaggio inviato in automatico, un errore”

| Stefania De Bastiani |

immagine dell'autore

| Stefania De Bastiani |

Sebastian Galassi

Sebastian Galassi

FIRENZE - Sebastian Galassi è morto a soli 26 anni lo scorso 1 ottobre, a Firenze, mentre lavorava come rider per una grossa azienda di consegne a domicilio. Il ragazzo era il sella alla sua bici, stava portando un ordine, quando un suv l’ha investito e ucciso. Un tragico incidente, a cui è seguita una mail dell’azienda che ha shoccato la famiglia della vittima. “Gentile Sebastian, siamo spiacenti di doverti informare che il tuo account è stato disattivato per il mancato rispetto dei termini e delle condizioni”, si legge nella lettera.

 

Un errore, un invio automatico, che è stato seguito da imminenti scuse da parte degli uffici predisposti. La tragedia ha risollevato il problema della sicurezza sul lavoro dei rider, che spesso lavorano senza la dovuta tutela. Per questo oggi, 5 ottobre, la Cgil ha indetto uno sciopero di 24 ore per tutti i rider di Firenze.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Stefania De Bastiani

SEGUIMI SU:

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×