20 gennaio 2021

Treviso

"Reddito di cittadinanza da ritirare e rifare". E' critico il sindacato

A Treviso nessun exploit di richieste: "Servono misure strutturate, non sporadiche"

| Roberto Grigoletto |

immagine dell'autore

| Roberto Grigoletto |

TREVISO - Non ha fatto chissà quanti proseliti il reddito di cittadinanza che il Governo Conte 2 ha deciso di cancellare dopo che il Conte 1 l’aveva introdotto poco più di un anno e mezzo fa. Ad oggi, 29 settembre, al più grande sindacato in provincia Treviso - la Cgil - sono state inoltrate 4.763 richieste di reddito e di pensione di cittadinanza, di cui 1409 quelle che sono state accolte. Per il segretario generale CGIL Treviso Mauro Visentin “lo strumento ha mostrato diverse falle e va necessariamente migliorato, in particolare proprio per dare una risposta a quella parte della società in difficoltà economica.  La carenza maggiore è nell’inefficacia nel far incontrare l’offerta di lavoro con il lavoro, da qui bisogna partire”.

Al patronato Acli invece si sono presentati in 200 all’incirca. La presidente Laura Vacilotto, ricorda che la sua associazione aveva sostenuto piuttosto l’istituzione del reddito di emergenza che prevedeva il coinvolgimento degli enti locali. Ammette però che in periodo covid ha rappresentato davvero un’àncora di salvezza per chi non aveva più alcun sostentamento economico derivante da occupazioni occasionali. “Tuttavia nell’ordinarietà si dovrebbero introdurre misure più strutturate e costruite il più possibile in modo personalizzato”.

Sindacato e patronato, dai loro osservatori speciali, seguono con preoccupazione l’evolversi di una crisi che continua a mordere, fiaccando il sistema economico e produttivo. Quello dell’inserimento lavorativo, questo punto, risulta un obiettivo difficilmente realizzabile: “Prima di parlare di assunzioni di disoccupati e inoccupati c’è da conservare i posti di lavoro che ancora ci sono” – conclude Vacilotto.

 



foto dell'autore

Roberto Grigoletto

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×