02 marzo 2021

Treviso

Redditi, aumenta la disparità tra ricchi e poveri nella Marca

Nei piccoli comuni della Pedemontana spiccano le disuguaglianze e aumentano gli anziani

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

trevigiani anziani

TREVISO - Disparità sempre più accentuata tra ricchi e poveri e trevigiani sempre più vecchi. La media provinciale ci dice che ci sono quasi due cittadini anziani, con più di 65 anni, ogni giovane under 14. Questa la fotografia del sindacato dei pensionati Spi Cgil di Treviso sulla distribuzione della ricchezza nella Marca. Analizzando una serie di indicatori economico e sociali, il cosiddetto “Indice d Gini”, con i redditi relativi al 2018 il sindacato evidenzia come nei piccoli comuni della Pedemontana ci sia la maggior diseguaglianza economica: è Moriago della Battaglia il comune con la maggior disomogeneità tra ricchi e poveri. Sempre in questa zona della Marca si registrano anche redditi più bassi e l’età media più alta.

Mentre nei comuni più grandi, con più di 15mila residenti, la forbice tra ricchi e poveri è assotigliata. Analizzano i 730 dei trevigiani, il 23% dichiara meno di 10mila euro all’anno con un reddito medio pari a 4.700 euro, mentre per lo 0.7% che dichiara oltre 120mila all’anno, il valore si attesta a 222.076 euro, ben 47 volte quello della fascia 0-10mila euro. La maggior parte (35%) dichiara redditi tra i 15mila e i 26mila euro. I dati però non tengono conto della pandemia che per il sindacato accentuerà ancora di più le disparità e le condizioni comico solai dei trevigiani.

Vigilio Biscaro, segretario generale dello Spi Cgil e Anna Rita Contessotto del Centro Studi Cgil

“Chi era era in condizione di vulnerabilità è diventato vulnerato, il marginale emarginato, l’occupato disoccupato”, evidenzia Anna Rita Contessotto che ha analizzato i dati dello studi Spi. “L’indagine - sottolinea Vigilio Biscaro, segretario generale dello Spi Cgil - ci mostra che i Comuni con l’età media più alta sono anche quelli che stanno peggio economicamente. Per questo chiederemo alle amministrazioni trevigiane, nell’ambito della campagna contrattazione, politiche a sostengo della famiglia, ma anche per l’esenzione Irpef e patti anti evasione”.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×