29/02/2024pioggia debole

01/03/2024pioggia

02/03/2024pioviggine

29 febbraio 2024

Rapine, minacce, estorsioni a migranti, cinque arresti

Indagini polizia su gruppo che voleva controllo zona stazione

|

|

Rapine, minacce, estorsioni a migranti, cinque arresti

TRIESTE - Si sarebbero resi protagonisti di plurimi episodi di rapina, furto, estorsione, lesioni e minacce, dallo scorso luglio a oggi, per lo più ai danni di altri cittadini extracomunitari appena giunti sul territorio nazionale. Per questo motivo cinque persone, provenienti da Pakistan e Afghanistan, sono state arrestate dalla polizia a Trieste. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori coordinati dalla locale Procura, i cinque, rispettivamente di 27, 33, 35, 18 e 21 anni, miravano a ottenere il controllo delle attività lecite e illecite nell'area della stazione centrale, luogo di ritrovo per diversi migranti, esercitando continue pressioni e minacce. Il controllo spesso veniva raggiunto attraverso la commissione di azioni delittuose, in alcuni casi portate a compimento anche con l'uso di armi, per trarre un immediato profitto economico, assoggettando le vittime, che spesso erano loro connazionali, cosi ottenendo un monopolio sulla gestione della zona.

A uno degli appartenenti al gruppo sono anche contestati i reati di resistenza a pubblico ufficiale e interruzione di pubblico servizio, per aver aggredito alcuni operatori sanitari all'interno del locale pronto soccorso. Il gruppo è altresì ritenuto responsabile di aver estorto, con minacce, somme di denaro ad alcuni dipendenti di un esercizio commerciale di ristorazione, sito in zona stazione centrale, e di aver minacciato il titolare affinché consegnasse loro, con cadenza mensile, la somma di 2mila euro. Il denaro richiesto sarebbe servito, a dire degli indagati, ad assicurarsi una sorta di protezione che gli garantisse regolarità nell'esercizio dell'attività commerciale. Il gruppo da qualche tempo aveva iniziato a creare disordini all'interno e all'esterno del locale minacciando e picchiando avventori e dipendenti. I destinatari delle misure custodiali, rintracciati anche con la con squadra mobile di Teramo, sono stati trasferiti in carcere.


Iscriviti alla Newsletter di OggiTreviso. E' Gratis

Ogni mattina le notizie dalla tua città, dalla regione, dall'Italia e dal mondo


 

 



Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×