28 ottobre 2021

Valdobbiadene Pieve di Soligo

Questa sera su YouTube il video di "Giovani Accordi"

La scuola di musica non si è arresa al distanziamento sociale e con il web ha riavvicinato gli allievi

| Tiziana Benincà |

immagine dell'autore

| Tiziana Benincà |

scuola musica giovani accordi refrontolo

REFRONTOLO - Si riesce a fare comunità anche in un periodo come questo? Questa è la filosofia che da una decina d’anni muove l’Associazione Giovani Accordi di Refrontolo. Un principio introdotto dal direttore artistico Stefania Dal Secco al suo arrivo, quando ha preso le redini del “Piccolo Coro” di Refrontolo, che allora purtroppo contava solamente 12 bambini e l’ha trasformato in una scuola di musica.

“Un percorso dall’individuale come pianista, al collettivo con un diploma in musica per coro, che mi ha ispirato quando ho pensato alla scuola di musica. Ho deciso di tenere come principio la relazione, perché da bambina suonare da sola non era il massimo. Ho cercato di portare la mia esperienza personale nella nostra scuola” motiva così la sua scelta la direttrice.

Normalmente la scuola conta un centinaio di studenti, mentre in questo periodo purtroppo tutti i corsi collettivi sono venuti a mancare: dalla Refrontolo Band al corso propedeutico per i piccoli della scuola d’infanzia. Tutte le attività sono svolte con lo scopo di creare legami, sia nei corsi individuali, che ovviamente in quelli collettivi.

Dopo un lavoro di anni, il Covid ha portato ad una divisione non solo fisica, ma anche logistica. Non potendo accedere infatti alla sede istituzionale presso la scuola primaria, grazie al Comune e agli insegnanti, sono state trovate tre sedi alternative: l’ex ambulatorio medico, la sala consiliare ed una sede staccata a Crevada, presso lo studio di registrazione di un insegnante.

Per lanciare un messaggio di auguri e mantenere la filosofia di unione, è stato realizzato un video con un breve spezzone di pochi secondi per ogni studente, girato dagli insegnanti nelle varie sedi e montato da The Central.

“Abbiamo realizzato un video semplicissimo. Pensavamo di usare effetti speciali, ma alla fine abbiamo preferito lasciare i bimbi al naturale, scoperti, con le loro difficoltà e capaci di trasmettere emozione, senza mettere in evidenza una performance.” continua la direttrice “Ora non ci resta che collegarci tutti sul nostro canale YouTube mercoledì sera alle 20.00”.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Tiziana Benincà

Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo
Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×