27 novembre 2020

Vittorio Veneto

Quadrilatero, “Ragazzi senza mascherina sputano e insultano”

Dopo l’arresto dei sei studenti, la situazione pare non essere cambiata. Lo denunciano i commercianti

| Claudia Borsoi |

immagine dell'autore

| Claudia Borsoi |

Quadrilatero

VITTORIO VENETOA fine luglio l’arresto di sei studenti minorenni ai vertici della baby gang che taglieggiava i coetanei e che si accaniva contro alcuni commercianti del Quadrilatero, una delle basi del gruppo, pareva aver dato una svolta alla situazione che si registrava da tempo in centro città. E invece, a distanza di due mesi, poco è cambiato come hanno segnalato alcuni negozianti del Quadrilatero.

 

Stamane, uno di loro, si è rivolto per l’ennesima volta all’Ascom Vittorio Veneto per denunciare la situazione e per chiedere provvedimenti. «Sabato pomeriggio – racconta la direttrice dell’associazione di categoria Antonella Secchi – il mio associato ha contato davanti al suo negozio trenta ragazzi senza mascherina, tutti ammassati, tanto che ostruivano anche le scale di accesso al Quadrilatero. Mi ha detto che si siedono davanti al suo negozio, sputano. Uno è anche entrato in negozio e l’ha insultato. Sabato pomeriggio, visto l’assembramento, ha chiamato i vigili, ma gli agenti gli hanno detto che non potevano intervenire perché impegnati con i seggi».

 

Oggi Secchi ha raccolto l’ennesimo sfogo del negoziante che già da tempo viene preso di mira dalla baby gang. «Si tratta di vere e proprie azioni di bullismo nei confronti di questo negoziante anziano» sottolinea la direttrice di Ascom che ha ripreso carta e penna ed ha scritto al sindaco Antonio Miatto, al comandante della polizia locale e ai carabinieri di Vittorio Veneto.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Claudia Borsoi

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×