17 gennaio 2021

PROFUGHI NELLA MARCA

Tanti slogan e poche idee per affrontare la situazione

immagine dell'autore

Stefania De Bastiani

 

 

TREVISO - Era il 2011 quando, in Prefettura a Treviso, si iniziava a trattare il tema "profughi". Nessuna emergenza, ma qualche vertice era necessario per organizzare al meglio l'accoglienza delle persone che stavano raggiungendo la nostra provincia.

 

Zaia, a distanza di quattro anni, ha cambiato idea. Ora, dice basta.

Tutti (o quasi) erano disposti a fare la loro parte. Persino il presidente del Veneto Luca Zaia, che nel 2011, all'arrivo dei primi 700 migranti, ha dichiarato: "I profughi vanno accolti". Zaia, a distanza di quattro anni, ha cambiato idea. Ora, dice basta. Definisce l'arrivo dei migranti un'invasione e con lui sta la maggior parte dei sindaci del trevigiano.

 

Pure Manildo, a febbraio, ha detto: "Ora basta". Ma mentre gli amministratori alzano barriere di parole e rifiuti, ragazzi, donne e bambini africani e asiatici continuano a raggiungere la nostra regione. Scappano dalla guerra, dalla fame, dalle persecuzioni, attraversano il Mediterraneo in condizioni disumane. Coloro che sopravvivono al viaggio e ai soprusi, arrivano qui. In Italia, in Veneto, a Treviso. Dove vengono accolti da quelle poche strutture che si rendono disponibili a dare a queste persone un letto dove dormire.

 

Ma ciò che chiedono i profughi non è tanto il pane o il tetto quanto la possibilità di guadagnarselo da soli. Qui, o altrove. Ovunque.

 

Quanti sono? Dove sono? Quanti soldi prendono?

I profughi si raccontano

Che fare? Partecipa al sondaggio


Data pubblicazione:
Ultima modifica:

Argomenti del Dossier

Arrivano altri profughi, la stazione di Treviso apre le porte

Arrivati questa mattina sono stati sistemati nei locali dell'ex libreria

Arrivano altri profughi, la stazione di Treviso apre le porte

TREVISO - Il rifugio provvisorio di prima accoglienza creato nei locali vuoti dell’ex libreria “Mondadori” all’interno della stazione ferroviaria di Treviso ha accolto i primi profughi

Arrivano 130 profughi, centro di accoglienza in stazione

Per 80 di loro non c'è posto, il Prefetto lì mette in un negozio vuoto della stazione ferroviaria

Arrivano 130 profughi, centro di accoglienza in stazione

TREVISO - Sono 130 i profughi che in queste ore stanno arrivando nella Marca e immancabilmente torna il problema dell’accoglienza

Profughi, altri 20 nella Marca

Tutti sono stati sistemati nelle strutture di accoglienza temporanea

Profughi, altri 20 nella Marca

TREVISO - Sono venti i profughi arrivati nella giornata di ieri nella Marca

Migranti: il flusso non si ferma. Aumenta

Caos nel trevigiano per la gestione dell'Accoglienza

Migranti: il flusso non si ferma. Aumenta

TREVISO - Mentre Zaia continua a ribadire il suo "no" all'accoglienza, sostenendo che "il Veneto ha già dato" e che è ora che "i Prefetti si ribellino", in regione continuano ad arrivare i migranti.


foto dell'autore

Stefania De Bastiani


SEGUIMI SU:

Altri dossier

14/11/2015

Strage di Parigi

Terrore a Parigi sconvolta venerdì sera (13 novembre 2015) da una serie di attentati.

I più Letti

del giorno
della settimana
del mese
*/ ?>
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×