17 gennaio 2021

PROFUGHI NELLA MARCA

Tanti slogan e poche idee per affrontare la situazione

immagine dell'autore

Stefania De Bastiani

 

 

TREVISO - Era il 2011 quando, in Prefettura a Treviso, si iniziava a trattare il tema "profughi". Nessuna emergenza, ma qualche vertice era necessario per organizzare al meglio l'accoglienza delle persone che stavano raggiungendo la nostra provincia.

 

Zaia, a distanza di quattro anni, ha cambiato idea. Ora, dice basta.

Tutti (o quasi) erano disposti a fare la loro parte. Persino il presidente del Veneto Luca Zaia, che nel 2011, all'arrivo dei primi 700 migranti, ha dichiarato: "I profughi vanno accolti". Zaia, a distanza di quattro anni, ha cambiato idea. Ora, dice basta. Definisce l'arrivo dei migranti un'invasione e con lui sta la maggior parte dei sindaci del trevigiano.

 

Pure Manildo, a febbraio, ha detto: "Ora basta". Ma mentre gli amministratori alzano barriere di parole e rifiuti, ragazzi, donne e bambini africani e asiatici continuano a raggiungere la nostra regione. Scappano dalla guerra, dalla fame, dalle persecuzioni, attraversano il Mediterraneo in condizioni disumane. Coloro che sopravvivono al viaggio e ai soprusi, arrivano qui. In Italia, in Veneto, a Treviso. Dove vengono accolti da quelle poche strutture che si rendono disponibili a dare a queste persone un letto dove dormire.

 

Ma ciò che chiedono i profughi non è tanto il pane o il tetto quanto la possibilità di guadagnarselo da soli. Qui, o altrove. Ovunque.

 

Quanti sono? Dove sono? Quanti soldi prendono?

I profughi si raccontano

Che fare? Partecipa al sondaggio


Data pubblicazione:
Ultima modifica:

Argomenti del Dossier

Zaia: sull'mmigrazione diciamo le stesse cose di Renzi

"Io ho candidato Lampedusa al premio Nobel per la pace"

Zaia: sull'mmigrazione diciamo le stesse cose di Renzi

VENEZIA - "Matteo Renzi sia il benvenuto tra noi, che sull'immigrazione certi concetti da lui espressi li diciamo da tempo immemore. Resta da capire perché, se li esprime lui, è un illuminato statista progressista, se li diciamo noi siamo beceri razzisti".

Migranti, Merkel-Hollande: i Paesi membri applichino a pieno il diritto all'asilo

"Subito centri di registrazione in Italia e Grecia"

Migranti, Merkel-Hollande: i Paesi membri applichino a pieno il diritto all'asilo

Angela Merkel e Francois Hollande chiedono "un'accelerazione" nella realizzazione di "centri di accoglienza in Italia e Grecia" per la registrazione dei migranti in arrivo. E' quanto hanno detto i due leader nella conferenza stampa al termine del vertice a Berlino sulla crisi dei migranti.

...
A Palermo nave con oltre 500 profughi. 50 trasferiti in Veneto

Donne cantano e ballano in segno di gratitudine

A Palermo nave con oltre 500 profughi. 50 trasferiti in Veneto

E' approdata intorno alle 10.30 al porto di Palermo la nave militare 'Vega' con oltre 500 immigrati a bordo, soccorsi ieri nel Canale di Sicilia. Ci sono 308 uomini, 85 donne e 130 bambini non accompagnati. 

Profughi nel residence di Eraclea: le denunce dei vicini gettano ombre sulla gestione

I residenti raccontano i retroscena della convivenza, fra proteste, solidarietà e inefficienze

Profughi nel residence di Eraclea: le denunce dei vicini gettano ombre sulla gestione

ERACLEA MARE-Abbiamo chiesto a coloro che vivono nel residence che ospita gli immigrati di raccontare la loro esperienza diretta circa la reale situazione in atto in queste settimane. Il rischio della sovraesposizione mediatica cui stiamo assistendo, che privilegia il punto di vista dei...

Caso profughi: Alfano caccia il prefetto Marrosu

L'annuncio della sostituzione arrivato da Bruxelles

Caso profughi: Alfano caccia il prefetto Marrosu

TREVISO - "Dobbiamo mettere in campo sempre più efficienza. Abbiamo avuto dal sistema delle prefetture grande efficienza, alcune cose non hanno funzionato, e interverremo. Nel prossimo Consiglio dei Ministri sostituirò il prefetto di Treviso".

Vietato l’ingresso ai razzisti (in chiesa)

Don Formenton affigge sulla porta della sua chiesa umbra un cartello contro i razzisti. E li invita a starsene a casa

Vietato l’ingresso ai razzisti (in chiesa)

SPOLETO - Gesù aveva cacciato i mercanti dal tempio. Don Gianfranco Formenton caccia i razzisti dalla chiesa. "Ho voluto dare una risposta ai fatti di Treviso e Roma".


foto dell'autore

Stefania De Bastiani


SEGUIMI SU:

Altri dossier

14/11/2015

Strage di Parigi

Terrore a Parigi sconvolta venerdì sera (13 novembre 2015) da una serie di attentati.

I più Letti

del giorno
della settimana
del mese
*/ ?>
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×