17 gennaio 2021

PROFUGHI NELLA MARCA

Tanti slogan e poche idee per affrontare la situazione

immagine dell'autore

Stefania De Bastiani

 

 

TREVISO - Era il 2011 quando, in Prefettura a Treviso, si iniziava a trattare il tema "profughi". Nessuna emergenza, ma qualche vertice era necessario per organizzare al meglio l'accoglienza delle persone che stavano raggiungendo la nostra provincia.

 

Zaia, a distanza di quattro anni, ha cambiato idea. Ora, dice basta.

Tutti (o quasi) erano disposti a fare la loro parte. Persino il presidente del Veneto Luca Zaia, che nel 2011, all'arrivo dei primi 700 migranti, ha dichiarato: "I profughi vanno accolti". Zaia, a distanza di quattro anni, ha cambiato idea. Ora, dice basta. Definisce l'arrivo dei migranti un'invasione e con lui sta la maggior parte dei sindaci del trevigiano.

 

Pure Manildo, a febbraio, ha detto: "Ora basta". Ma mentre gli amministratori alzano barriere di parole e rifiuti, ragazzi, donne e bambini africani e asiatici continuano a raggiungere la nostra regione. Scappano dalla guerra, dalla fame, dalle persecuzioni, attraversano il Mediterraneo in condizioni disumane. Coloro che sopravvivono al viaggio e ai soprusi, arrivano qui. In Italia, in Veneto, a Treviso. Dove vengono accolti da quelle poche strutture che si rendono disponibili a dare a queste persone un letto dove dormire.

 

Ma ciò che chiedono i profughi non è tanto il pane o il tetto quanto la possibilità di guadagnarselo da soli. Qui, o altrove. Ovunque.

 

Quanti sono? Dove sono? Quanti soldi prendono?

I profughi si raccontano

Che fare? Partecipa al sondaggio


Data pubblicazione:
Ultima modifica:

Argomenti del Dossier

Altra tragedia nell'Egeo: morti annegati 4 bambini

Altra tragedia nell'Egeo: morti annegati 4 bambini

Almeno cinque persone, tra cui quattro bambini, sono morte annegate mentre tentavano di raggiungere una delle isole greche nel Mar Egeo. Lo rendono noto le autorità greche, specificando che due bambini, insieme ad un uomo, sono morti nel naufragio di una piccola imbarcazione a largo di Samos,...

Oltre 30 migranti annegati in Grecia, tra le vittime neonati e bambini

Oltre 30 migranti annegati in Grecia, tra le vittime neonati e bambini

Nuova tragedia in mare per i migranti: Almeno 34 persone, fra cui quattro neonati e undici minori, sono morte annegate nel naufragio di un barcone con a bordo più di un centinaio di immigrati, 120 secondo le prime testimonianze, provenienti dalla Turchia e dirette in Grecia, al largo dell'isola...

Migranti, in 10mila in viaggio verso la Germania

Austria e Germania hanno annunciato l'apertura dei loro confini

Migranti, in 10mila in viaggio verso la Germania

Migliaia di profughi stanno oltrepassando il confine austriaco per dirigersi verso la Germania dopo la mossa a sorpresa dell'Ungheria di fornire pullman ai migranti, da giorni bloccati alla stazione Keleti di Budapest. 

Aylan, morire a 3 anni in mare

Aylan, morire a 3 anni in mare

Il barcone che si capovolge, l'onda che gli porta via i suoi due figli che teneva stretti a sé, l'arrivo della guardia costiera turca quando ormai non c'è più niente da fare. Sono le immagini della tragedia che ancora ha negli occhi Abdullah al-Kurdi, il padre del piccolo Aylan, il bimbo siriano di...

Polizia ceca 'marchia' rifugiati

Dall' Italia sì a più controlli al Brennero.

Polizia ceca 'marchia' rifugiati

Polizia ceca scrive numeri registrazione su braccia rifugiati - La polizia ceca ha scritto con dei pennarelli numeri di registrazione sulle braccia o le mani di decine di migranti fermati alla stazione ferroviaria di Breclav, nella Moravia meridionale, vicino al confine con l'Austria. 

...
Budapest nel caos, stazione chiusa ai profughi

Ungheria, polizia lancia gas lacrimogeni contro migranti siriani

Budapest nel caos, stazione chiusa ai profughi

"Non penso che l'Ungheria abbia bisogno di un singolo immigrato proveniente dall'Africa o dal Medio Oriente, l'Europa deve usare le sue risorse umane e, se vuole una politica per l'immigrazione, questa deve essere regolata e controllata". Così il capo dello staff del premier ungherese, Janos Lazar,...


foto dell'autore

Stefania De Bastiani


SEGUIMI SU:

Altri dossier

14/11/2015

Strage di Parigi

Terrore a Parigi sconvolta venerdì sera (13 novembre 2015) da una serie di attentati.

I più Letti

del giorno
della settimana
del mese
*/ ?>
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×