18/07/2024poco nuvoloso

19/07/2024pioggia debole e schiarite

20/07/2024poco nuvoloso

18 luglio 2024

Cronaca

Prima ondata di caldo con l’anticiclone africano Scipione, picchi di 40 gradi

Oltre alle temperature elevate previsto un importante contenuto di umidità specie in Pianura Padana, nei fondovalle alpini e nelle pianure interne del Centro

| AdnKronos |

| AdnKronos |

meteo

Dopo giorni di maltempo, arriva sull'Italia l’anticiclone nordafricano che, come una gobba, si espande dal Maghreb verso il nostro Stivale. Secondo le previsioni meteo, la prima ondata di calore porterà picchi anche di 40°. Lorenzo Tedici, meteorologo del sito www.iLMeteo.it, conferma che, anche il questo caso, il meccanismo di espansione del caldo è associato alla formazione di una lacuna barica iberico-marocchina tra le isole Canarie, il Marocco e la Penisola iberica. Questa area depressionaria, con la rotazione delle correnti in senso antiorario intorno al suo centro, spinge da Sud verso Nord le masse d’aria sub tropicali continentali direttamente dal Sahara verso l'Italia. Attraversando il Mediterraneo queste masse d’aria si caricano anche di elevata umidità.

Ecco che, nei prossimi giorni, le temperature saliranno con il picco atteso tra venerdì e sabato al Centro-Nord e tra domenica e lunedì al Sud: oltre alle temperature elevate avremo anche un importante contenuto di umidità specie in Pianura Padana, nei fondovalle alpini e nelle pianure interne del Centro.

Nel dettaglio, le prossime ore vedranno ancora qualche nuvoletta attardarsi sul Triveneto, specie orientale, con la possibilità di locali brevi acquazzoni; anche tra Sicilia e Puglia transiterà una modesta linea di instabilità foriera di qualche piovasco. Tutto attorno avremo un bel sole e condizioni anticicloniche con il graduale aumento termico di cui sopra.


Iscriviti alla Newsletter di OggiTreviso. E' Gratis

Ogni mattina le notizie dalla tua città, dalla regione, dall'Italia e dal mondo


 

 


| modificato il:

AdnKronos

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×