18 maggio 2021

Castelfranco

Il presidente della Provincia Stefano Marcon in visita al Maffioli di Pieve del Grappa

L'Istituto Maffioli, alla ricerca della sua quarta sede, registra anche per il prossimo anno un aumento di iscrizioni del 18%

| Maria Elena Tonin |

immagine dell'autore

| Maria Elena Tonin |

Marcon ai fornelli

PIEVE DEL GRAPPA - La politica fa visita ad alla sede dell'Istituto Maffioli di Pieve del Grappa. Nel pieno rispetto delle norme anticovid, studenti ed insegnanti hanno accolto questa mattina il presidente della Provincia Stefano Marcon e Alessandro Righi, responsabile dell'edilizia e programmazione scolastica, ommaggiandoli con assaggi della propria cucina, visibilmente emozionati, ma anche concentrati nel loro impegno. Come dire di no, ad un gustoso raviolo fatto a mano ed alla tentazione di sentirti, per qualche momento, uno chef?





L'Istituto Maffioli, alla ricerca della sua quarta sede, registra anche per il prossimo anno un aumento di iscrizioni del 18% e il Comune di Pieve del Grappa continuerà ad ospitare la sede decentrata per i prossimi 6 anni, grazie ad un accordo con la Provincia, la Congregazione dei fratelli delle scuole cristiane, proprietaria di Villa Fietta, e l'amministrazione comunale guidata da Annalisa Rampin. Soddisfazione da parte di tutti gli stakeholders per il traguardo raggiunto, che, ad dir la verità, toglie molte castagne dal fuoco e permette di continuare ad ospitare in un territorio di periferia, una scuola di eccellenza.



Il bacino di utenza che va da Pederobba a Bassano garantisce per il prossimo anno altre due prime, ma il dirigente scolastico Nicola Zavattiero alza il tiro: "Lezioni anche di sera, per raggiungere i giovani adulti e far tornare a scuola anche chi l'ha lasciata da anni e forse si è perso nelle strade della ita" annuncia "Questa sede sede prestigiosa è un investimento da onorare con i numeri: portiamo linfa ad un territorio che ha un paesaggio come pochi ma anche opportunità." Zavattiero non ha alcuna incertezza nel chiamare "figli adottivi" i suoi 1300 studenti e racconta il suo lavoro quasi con le parole di un uomo d'altri tempi, definendosi, innanzitutto, un servitore dello Stato e poi parlando di rispetto verso le famiglie, di umiltà con cui cercare di mantenere le promesse fatte: "Le famiglie ci affidano i figli: noi abbiamo semplicemente aperto le porte e mostrato loro cos'è il Maffioli. Vorrei davvero che i loro figli, i nostri figli, siano non specchi che riflettono la luce altrui, ma piccole stelle che brillano e donano la loro luminosità al mondo, rendendolo migliore."





"Confesso di aver passato più di qualche notte in bianco" racconta invece Annalisa Rampin, sindaco di Pieve del Grappa "cercando di immaginare cosa poteva diventare questo luogo. Poi fortunatamente le eccellenze del nostro territorio si sono incontrate, permettendoci di mantenere la presenza della scuola qui ma anche offrire un buon servizio." Le idee non mancano "Le diversità, sono diventate opportunità" conclude Rampin "Era un peccato non riuscire ad utilizzare risorse come il convitto e alla fine, la sinergia con i diversi attori coinvoti è stata un terreno fertile, in cui far nascere qualcosa di importante." La scuola che ospita 8 classi con 158 alievi, per cui la Provincia paga un affitto di 64.900 euro, è dotata delle più moderne tecnologie e laboratori, facendo anche di "necessità, virtù". Un esempio per tutti, viene dato dai soffitti di Villa Fietta: dove non vi è sicurezza per ospitare i fuochi "tradizionali" diventa una risorsa perchè i ragazzi si sperimentano con i fuochi con piastre radianti.





"Siamo consapevoli che abbiamo 40mila studenti in provincia, che hanno bisogno di spazi sicuri, a norma, confortevoli. In questo luogo, nasce una forza lavoro particolarmente qualificata." conclude il presidente della Provincia Stefano Marcon "Sappiamo benissimo quanto sia importante sul territorio avere i presidi scolastici, lo dico anche come sindaco: dove ci sono terreni fertili, noi seminiamo."


 


| modificato il:

foto dell'autore

Maria Elena Tonin

Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

immagine della news

06/03/2021

Tornano le Giornate FAI per le scuole

Da lunedì 8 Centinaia di luoghi identitari saranno raccontati su Instagram dagli studenti Apprendisti Ciceroni del FAI per un'edizione tutta social.

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×