19/07/2024poco nuvoloso

20/07/2024pioviggine e schiarite

21/07/2024possibili temporali

19 luglio 2024

Agenda

Presentazione del libro.

Incontro con gli autori per parlare dello sterminio nazista attraverso il lavoro forzato

Incontri - Presentazioni

quando 31/03/2023
orario Dalle 18:30 alle 19:30
dove Treviso
Libreria Canova, Piazzetta dei Lombardi 1 - Treviso
prezzo Ingresso gratuito
info 0422 546253 - canova@libreriesrl.it
organizzazione Edizioni Chartesia e libreria Canova

Lo sterminio nazista in un libro ricco di documenti inediti e preziose testimonianze

Venerdì 31 marzo alle ore 18:30 presso la libreria Canova di Treviso avrà luogo la presentazione del libro Bunker Valentin. Lo sterminio nazista attraverso il lavoro forzato, pubblicato da Edizioni Chartesia. Gli autori, Orlando Materassi e Silvia Pascale, ne parlano con lo scrittore Marco Gottardi. L’incontro sarà l’occasione per scoprire un libro ricco di documenti e testimonianze, che per la prima volta in Italia racconta la tragica vicenda degli Internati Militari Italiani (IMI) deportati in Germania e costretti a lavorare nel cantiere del bunker Valentin.

Un cantiere di morte

Il bunker Valentin, considerato un’avanguardistica e imponente struttura all’interno della quale si sarebbero dovuti assemblare sottomarini U-Boot di tipo XXI (di importanza strategica per la guerra navale tedesca), era un luogo di sterminio nazista attraverso il lavoro forzato, per la cui costruzione furono impiegati circa 12.000 schiavi di Hitler, sfruttati in molti casi fino alla morte. Prigionieri e lavoratori coatti di molte nazionalità, tra cui 6.000 Internati Militari Italiani, cioè i militari italiani fatti prigionieri dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943, che si rifiutarono di aderire al nazifascismo e per questo furono deportati nei lager del Terzo Reich dove, senza tutela della Croce Rossa Internazionale, subirono violenze e sofferenze disumane per circa due anni. Saranno più di 1.600 i morti nel cantiere del bunker, tanto che l’imponente costruzione può essere considerata un enorme cimitero.

Elio Materassi (padre di Orlando), giovane soldato italiano fatto prigioniero dalla Wehrmacht il 12 settembre 1943 a Monza, venne prima deportato in Polonia e poi in Germania, nel lager Heidkamp II nella zona di Bremen-Farge. È in questo scenario di fame, freddo e morte che trascorrerà molti mesi, sfruttato come lavoratore forzato al cantiere per la costruzione del bunker Valentin.

Grazie al ritrovamento di documenti inediti tedeschi, si è potuto identificare il territorio come sede di lager creati appositamente per i deportati adibiti alla costruzione di questo enorme edificio. Le ricerche hanno evidenziato come questa particolare zona, finora poco studiata, non fosse soltanto un luogo di prigionia, ma un enorme campo di sterminio parcellizzato in campi satellite.

Una cooperazione per conoscere e ricordare

Lo studio degli autori è il frutto di lunghi anni di ricerca e approfondimento sul tema della memoria e del ricordo, durante i quali è emersa la consistente documentazione fotografica che arricchisce il libro, proveniente dall’archivio privato di Elio Materassi e dagli archivi federali tedeschi. La condivisione di percorsi con le autorità tedesche e la realizzazione di progetti per rendere giustizia al sacrificio dei nostri IMI hanno portato a una conoscenza storica e a un rapporto di amicizia basato sulla comprensione e sul dialogo. In quest’ottica il volume è stato realizzato dall’ANEI di Treviso grazie alle risorse del Fondo italo-tedesco per il Futuro, con il riconoscimento dell’Ambasciata della Repubblica Federale di Germania a Roma e il Ministero degli Affari Esteri della Germania.

Altri Eventi nella categoria Incontri - Presentazioni

Valdobbiadene

19/07/2024 dalle 20:30 alle 22:30 - Auditorium Piva, via Piva 56 - Valdobbiadene

Silvio Garattini a Valdobbiadene..

Grande attesa, venerdì 19 luglio, per il 95enne presidente dell’Istituto Negri

20/07/2024 dalle 10:30 alle 18:00 - Giardino Botanico Alpino "Giangio Lorenzoni" - Tambre

Canisglio Estate 2024.

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×