25 maggio 2020

Vittorio Veneto

"Preoccupati per la condizione di sofferenza dei nostri Comuni", sindaci a Mattarella

La missiva dei primi cittadini trevigiani al capo dello Stato, oggi a Vittorio Veneto

| commenti |

| commenti |

VITTORIO VENETO - "Da anni le nostre Amministrazioni stanno conducendo una incessante battaglia per tutelare le legittime aspettative delle comunità locali di questo territorio, per far capire al Parlamento e al Governo la pesante condizione di sofferenza in cui versano gli Enti locali". Così in una lettera aperta i sindaci del trevigiano si sono rivolti al Capo dello Stato Sergio Mattarella, oggi a Vittorio Veneto, per le celebrazioni del 25 aprile.

 

Nella lunga lettera si legge tra l'altro come "nonostante la drammatica carenza di personale, i tagli delle risorse, il progressivo svuotamento dell'autonomia loro garantita dalla nostra Carta costituzionale, grazie alla dedizione e allo spirito di sacrificio di Amministratori e dipendenti riescono comunque ad essere virtuosi, nonché punto di riferimento essenziale per i cittadini".

 

"Ci siamo battuti negli ultimi dieci anni per una più equa e responsabile distribuzione delle risorse finanziarie e l'attuazione del 'federalismo - aggiungono i Sindaci -, per una più equa e autonoma gestione del personale che tenga conto delle specificità territoriali e per una reale semplificazione amministrativa". "Purtroppo continuiamo a registrare da parte del legislatore nazionale - concludono - una deriva centralista, la scarsa conoscenza dell'apparato organizzativo dei Comuni e soprattutto la mancanza di consapevolezza della potenzialità delle Istituzioni locali nel contribuire alla crescita complessiva del nostro Paese".

 

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×