23 settembre 2020

Treviso

Premio Luciano Vincenzoni, in concorso 170 opere dei giovani autori del cinema

Tra i concorrenti 104 talenti maschili mentre sono 45 le autrici under 35 in gara

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

Premio Luciano Vincenzoni

TREVISO - Il lockdown non ha prosciugato la vena creativa dei giovani autori del cinema italiano under 35 che hanno partecipato in massa al Premio Luciano Vincenzoni, a loro dedicato. Per la sesta edizione del premio sono oltre 170 le opere in concorso arrivate al 30 giugno, scadenza posta dal bando diffuso a marzo dall’associazione Luciano Vincenzoni di Treviso. Sono 149 gli elaborati per la sezione soggetti cinematografici arrivati da tutta Italia.

Tra i titoli figurano temi collegati alla pandemia che ha stravolto la quotidianità di ognuno. Un'esperienza "straniante" e unica, che alcuni giovani soggettisti hanno deciso di raccontare con il linguaggio cinematografico. Mentre sono 22 le partiture proposte da giovani compositori, tra i 34 e i 21 anni, che partecipano alla sezione musica da film, per la composizione di un commento musicale adattato a una sequenza tratta da "Il gobbo" di Carlo Lizzani, film del 1960 che porta anche la firma del grande sceneggiatore e soggettista trevigiano a cui è intitolato il concorso, "padre" di autentici capolavori del cinema italiano e collaboratore di Pietro Germi, Mario Monicelli, Sergio Leone.

Tra i concorrenti prevalgono in modo significativo i talenti maschili (104), mentre sono 45 le autrici under 35 in gara. Ventiquattro lavori sono stati firmati a quattro mani, 22 i soggettisti che si presentano con due elaborati. Tra le novità di quest’anno anche un nuovo elemento della giuria che dovrà scegliere il miglior soggetto cinematografico edizione 2020.

L’Associazione Luciano Vincenzoni, presieduta da Paolo Ruggieri, dopo avere acquisito il pluripremiato regista Giorgio Diritti quale nuovo presidente di giuria, ha "acquistato" anche l'attrice, produttrice e regista trevigiana Michela Cescon, una tra le più intense interpreti del cinema italiano, vincitrice del David di Donatello e del Nastro d'argento per la migliore attrice non protagonista nel film "Romanzo di una strage" di Marco Tullio Giordana. Le due giurie sono già al lavoro per valutare le opere pervenute. Alla metà del mese di ottobre è atteso il responso, con la scelta dei vincitori delle sezioni soggetti e musica da film. La premiazione si terrà sabato 14 novembre a Treviso, nell'Auditorium di Santa Caterina.
 

 



foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×