16 ottobre 2021

Mogliano

Preganziol comune apripista nella Marca per l'identità digitale dei cittadini

Oggi lo Spid si può fare in altri 8 i comuni nel trevigiano

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

identità digitale Preganziol

PREGANZIOL– Il comune di Preganziol è il secondo comune d’Italia e il primo nella Marca ad aver attivato il servizio per il riconoscimento digitale dei cittadini per ottenere più velocemente lo Spid, ovvero quel codice personale per accedere a tutti i servizi on-line della pubblica amministrazione.

Se Preganziol è stato il primo nella Marca ad attivarlo alcuni mesi fa, facendo da apripista, molti altri comuni stanno seguendo il suo esempio aiutati dal supporto tecnico per l’attivazione messo a disposizione dal Centro Studi Amministrativi della Marca Trevigiana già da fine dicembre 2020.

“La digitalizzazione della pubblica amministrazione è un obiettivo fondamentale per la competitività del sistema-Paese – afferma Mariarosa Barazza, presidente dell’associazione comuni della marca trevigiana e del centro studi -. In questo percorso l’ufficio della verifica dell’identitià ersonale dei cittadini (Rao) per ottenere lo Spid è un passaggio importantissimo. Ben consapevoli delle difficoltà dei omuni su questo fronte, abbiamo attivato un nuovo servizio per aiutarli a implementare il cambiamento. Stare al loro fianco nella grande transizione in cui siamo immersi è la nostra missione". 

Sono al momento 8 i comuni della provincia di Treviso che, finora, hanno aderito all’innovativo servizio offerto dal Centro Studi dell’associazione comuni della Marca e sono oltre al già citato Preganziol: San Fior (già attivato), Asolo, Zero Branco, Ormelle, Sarmede, Riese Pio X e Colle Umberto.

Proprio da oggi, 1º marzo, sono attive le nuove disposizioni previste dal Decreto Semplificazione in materia di accesso ai servizi telematici: dismissione progressiva delle singole credenziali che ogni PA aveva adottato in autonomia, e un’unica chiave per accedere a tutti i servizi pubblici online, a scelta tra il Sistema per l’identità digitale (Spid), la Carta d’identità elettronica (Cie) e la Carta nazionale dei servizi (Cns). Oltre a questo, il decreto prevede che tutte le Pubbliche Amministrazioni nazionali debbano anche integrare la piattaforma pagoPA nei sistemi di incasso per la riscossione delle proprie entrate.

 



foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Mogliano
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×