18 maggio 2021

Oderzo Motta

Ponte di Piave, segnalati alcuni superamenti del PM10

Nei mesi scorsi l'Arpav ha eseguito un controllo dell'aria. Questi i risultati

| Angelo Giordano |

| Angelo Giordano |

Arpav

PONTE DI PIAVE - Sono stati pubblicati gli esiti della campagna di monitoraggio della qualità dell’aria realizzata da ARPAV.

“L’Amministrazione comunale – ha dichiarato il Sindaco Paola Roma – ha aderito nella primavera del 2020 - al servizio proposto da ARPAV, consapevole dell’importanza di un monitoraggio costante della qualità dell’aria che respiriamo.

Obiettivo quello di acquisire dati statistici puntuali per eventualmente intraprendere azioni future a tutela della salute della cittadinanza.

Ringrazio – conclude Roma – ARPAV – per la disponibilità dimostrata ancora una volta nel mettere a disposizione della cittadinanza tale servizio e ricordo che gli esiti del monitoraggio sono disponibili sul sito internet del Comune, alla pagina www.pontedipiave.com”

“Il monitoraggio – ha dichiarato l’Assessore all’Ambiente Matteo Buso - è stato realizzato in diversi siti del territorio comunale di Ponte di Piave e la campagna è stata eseguita in due periodi diversi compresi tra Maggio e Luglio 2020 e Ottobre-Novembre 2020 caratterizzati da differenti condizioni climatiche allo scopo di garantire una maggiore rappresentatività delle informazioni acquisite”.

In particolare sono stati monitorati i parametri previsti dalla normativa vigente in materia di qualità dell’aria ovvero gli inquinanti ossidi di Zolfo, di Azoto, il Monossido di Carbonio, l’Ozono, il Benzene, le polveri respirabili PM2.5 e le polveri inalabili PM10 sulle quali sono state determinate le concentrazioni di idrocarburi policiclici aromatici IPA, tra cui il Benzo(a)Pirene.

Sono stati inoltre ricercati in diversi siti ulteriori inquinanti per i quali non è disponibile un riferimento di legge che sono stati pertanto valutati in base a criteri tecnici. Tali inquinanti sono i Composti organici volatili COV e Aldeidi.

I valori ottenuti a Ponte di Piave sono stati anche comparati, ove possibile, con quelli determinati presso le stazioni di monitoraggio fisse appartenenti alla rete di ARPAV.

Per quanto riguarda gli inquinanti previsti dalla normativa vigente in materia di qualità dell’aria D.Lgs 155/2010 si sottolinea che, analogamente a quanto osservato presso le stazioni fisse della rete ARPAV presenti nel territorio provinciale di Treviso, nel comune di Ponte di Piave si è osservato il rispetto dei limiti di legge ad eccezione del PM10, per il quale sono stati riscontrati alcuni superamenti del Valore Limite giornaliero, e del’O3 per il quale l’obiettivo a lungo termine per la protezione della salute umana pari a 120 mg/m3 calcolato come media di 8 ore è stato superato una sola volta durante la campagna eseguita nel periodo estivo.

Per i restanti parametri ricercati, in particolare COV e Aldeidi, per i quali non è disponibile un riferimento normativo, non sono state rilevate particolari criticità.

 



Angelo Giordano

Leggi altre notizie di Oderzo Motta
Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×