22 settembre 2021

Treviso

Polo logistico: "Solo con Amazon oltre 200 nuovi posti di lavoro"

I sindacati ai sindaci di Roncade e Casale: "Se il progetto andrà in porto subito contrattazione con le aziende per garantire lavoro di qualità"

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

polo Amazon Casale Roncade

TREVISO - “Se da un lato c’è la necessità di trovare strumenti normativi, in particolare di livello regionale, per fermare il continuo sfruttamento di suolo e varare una stagione di riqualificazione e rigenerazione, dall’altro il nuovo polo logistico nei territori comunali di Roncade e di Casale sul Sile vedrà la nascita, solo per l’insediamento Amazon, di oltre 200 nuovi posti di lavoro, con punte stagionali che potranno raggiungere anche i 500 occupati”. Questa è in sintesi il quadro dentro al quale i sindacati confederali di Cgil, Cisl e Uil territoriali e le amministrazioni comunali di Casale e Roncade si sono confrontati nel corso di quest’ultima settimana.

 “La questione del lavoro è al pari della salvaguardia ambientale, ma pare che la destinazione d’uso di quell’area non impedisca l’edificazione del polo logistico. Per questa ragione – secondo i sindacati – è necessario che la Regione affronti quanto prima il tema e legiferi in materia, dando ai governi locali strumenti adeguati”.

Sul tavolo del confronto dunque entrambi i punti. “Nel caso in cui il progetto si concretizzi, abbiamo chiesto ai sindaci che si proceda, anche attraverso il loro diretto intervento, alla cosiddetta contrattazione di anticipo con le aziende, propedeutica a garantire lavoro di qualità, ma anche stabilità occupazionale nel tempo. Soprattutto in questo momento di crisi, va scongiurato il pericolo del lavoro “mordi e fuggi”, con contratti a breve termine spesso non rinnovati e un altissimo turn-over, come già visto in altre parti d’Italia dove opera Amazon”.

“Non vogliamo che nel trevigiano si autorizzi lo sfruttamento del lavoro o l’applicazione di contratti non congrui - sottolineano Mauro Visentin, Massimiliano Paglini e Guglielmo Pisana, rispettivamente segretari territoriali di Cgil, Cisl e Uil – È fondamentale che nel futuro polo logistico, definito dall’insediamento di Amazon a Roncade e dall’importante ampliamento dell’area industriale a Casale, oltre a realizzare essenziali opere di mitigazione dell’impatto ambientale, si applichi a tutti i futuri lavoratori il contratto nazionale di riferimentoe si prevedano e assicurino tutte le tutele previste dal contratto agli addetti”.  

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×