18/06/2024pioggia e schiarite

19/06/2024velature lievi

20/06/2024poco nuvoloso

18 giugno 2024

Conegliano

Il poker di De Bastiani a Libri in Cantina

Un weekend di presentazioni ed eventi per promuovere la cultura

| Clara Milanese |

immagine dell'autore

| Clara Milanese |

Autori

SUSEGANA – Si apre oggi, venerdì 6 ottobre, la 19ª edizione di Libri in Cantina, fiera della piccola e media editoria di Susegana.


Nella splendida cornice del castello San Salvatore si susseguiranno eventi e attività che affiancheranno la consueta esposizione da parte di editori provenienti da tutta Italia.
Sulla scia del successo del “Cammino del Prosecco” – sono oltre 1000 i turisti che lo hanno percorso in poco più di due mesi – sarà presente sabato 7 dalle ore 16 nella sala dell’Angelo, Giovanni Carraro. L’autore e giornalista racconterà e presenterà proprio la guida, Alla scoperta delle Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene. 40 itinerari a piedi, 405 km di sentieri, edita da De Bastiani


L’editore di Vittorio Veneto sarà presente in altri tre momenti con i suoi autori: sabato pomeriggio, oltre a Carraro, presenteranno i loro libri Antonio Menegon e Guido Lorenzon, mentre domenica pomeriggio sarà il turno di Fulcio Bortot.


Antonio Menegon, giornalista e scrittore appassionato di fotografia, è un volto storico a Susegana, comune in cui vive e dove è da sempre attivo a livello sociale e culturale. Nel cortile della chiesa del Carmine, dalle 17.30, dialogherà con il pubblico sulla sua ultima pubblicazione, Foto&Racconti, un libro contenente 7 storie rimaste per anni in un cassetto accompagnate da oltre 200 fotografie, scatti che hanno fermato per sempre dettagli e attimi di vita comune”, spiega l’editore De Bastiani.


Alla stessa ora, nel suggestivo studiolo del Principe, il giornalista e docente di letteratura francese Guido Lorenzon affronterà, con il suo libro Ciao Mattia, la scottante tematica della sicurezza sul lavoro: “È un libro che vi toccherà l’anima – assicura l’editore – perché prende spunto dalla triste storia di quel 18enne di Noventa venuto a mancare durante una normalissima giornata di alternanza scuola-lavoro”. 


Sono stati il senso di vuoto e di sgomento dopo una notizia così tragica a scaturire qualcosa in Lorenzon: “Questo vuoto che si è creato a partire dai 18 anni del ragazzo mi ha toccato e commosso nel profondo – racconta l’autore – e mi ha portato a chiedermi ‘Quale sarebbe stato il resto della sua vita? Quali potrebbero essere stati i sogni di un giovane studente di oggi?’ e così, pur non conoscendo il ragazzo, ho voluto condividere l’emozione che lui mi ha portato in un volume di ‘fantasia’, che parte da una vicenda privata ma prosegue come invenzione, con l’obiettivo di raccontare i giovani d’oggi e il mondo del lavoro a Nordest”.


Sempre nello studiolo del Principe, domenica alle 14.30, il bellunese Fulcio Bortot intratterrà i presenti con proverbi, modi di dire e soprannomi dialettali, tutti raccolti e da lui tradotti e spiegati, all’interno del volume Pèdo ‘l tacón de ‘l bus.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Clara Milanese

Leggi altre notizie di Conegliano
Leggi altre notizie di Conegliano

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×