03 aprile 2020

Vittorio Veneto

Pizza: Report grida allo "scandalo", Vittorio risponde (con la qualità)

Uls e Ascom lanciano progetto di certificazione. La pizza è D.O.P., dietetica e, soprattutto, sana

| commenti |

| commenti |

Pizza: Report grida allo

VITTORIO VENETO - Un bollino blu per fornire ai consumatori la garanzia di massima sicurezza alimentare e un' esperienza di pura eccellenza. È questo l'obbiettivo del progetto “Mangia sano in pizzeria”, frutto degli sforzi congiunti di Ulss7 e Ascom (Associazione Commercianti di Vittorio Veneto) e assolutamente innovativo a livello nazionale.

Elaborato in risposta alla puntata di “Report” dove venivano evidenziati i rischi connessi a preparazione e cottura scorrette della pizza, il progetto permetterà ai cittadini del vittoriese non solo di essere sicuri che gli ambienti di cottura e preparazione rispondano a precisi requisiti igenici (ad esempio, che si usi una pala forata per evitare il deposito di farina nel forno), ma anche che la qualità e i valori nutrizionali della pizza che consumano raggiungano altissimi livelli.

 

Sono 40 le pizzerie del mandamento dell'Ascom di Vittorio Veneto a cui il progetto si rivolge in questa fase sperimentale, e da sole producono oltre 3000 pizze al giorno. "Le pizzerie che aderiranno al progetto - spiega il direttore del Dipartimento di Prevenzione Sandro Cinquetti - saranno coinvolte in un percorso il cui punto d'arrivo è l'acquisizione di un cosiddetto “Bollino Blu”.

Il progetto prevede una prima fase di partecipazione a incontri formativi sulla sicurezza alimentare e nutrizionale. A ruota seguirà l'adozione di un decalogo, cioè di dieci norme di garanzia per il consumatore che richiedono ad esempio l'uso di prodotti D.O.P. , di impasti a media o lunga lievitazione, di verdure preferibilmente di stagione, di passata di pomodoro italiana. Otterranno il bollino le pizzerie che, a seguito delle verifiche congiunte Ulss-Ascom, risulteranno in regola, oltre che per gli aspetti igienico-sanitari, anche per quanto riguarda l'applicazione dei criteri di qualità.

 

Nell'ambito del progetto si è inoltre perfezionata la proposta di una pizza “gold”, che superi i regolari standard di qualità. Preparata con ingredienti selezionati come la farina integrale e molte verdure, perfetta dal punto di vista nutrizionale. Una pizza completa e deliziosa, ma meno calorica: come quella preparata con mezzo panetto di pasta integrale, pomodoro, mezza dose di mozzarella e radicchio di Treviso, o quella con mezzo panetto di pasta integrale, pomodoro, gamberetti e rucola. Questi capolavori della cucina, perfettamente dorati e uniformemente cotti, mai bruciati, contribuiranno al benessere dei cittadini e saranno veri e proprio presidi per la loro salute. “Non sono riduciamo il rischio- afferma il direttore generale dell'Ulss 7 Gian Antonio Dei Tos- ma facciamo prevenzione: il mangiare bene non è solo un grande orgoglio nazionale, ma anche uno dei tre capisaldi per una vita sana”.

 

“Mangia sano in pizzeria” non coinvolge solo le pizze: anche i grissini devono essere preparati secondo altissimi standard di qualità, e persino i dessert sono stati messi sotto esame per creare alimenti salutari e “gold” dal primo al dolce. Il progetto partirà a breve: entro il 28 marzo sarà predisposto un piano formativo e in seguitò partiranno gli incontri di formazione, nella speranza che in seguito l'iniziativa possa essere estesa all'intero territorio dell'Ulss7.

Chiara Moret

 

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×