29 novembre 2020

Castelfranco

Piccata risposta di Beltramello e Sartoretto alla boutade di Zaia sull’ospedale

“L’unico cadavere (politico) a Castelfranco è la giunta Marcon”

| Ingrid Feltrin Jefwa |

immagine dell'autore

| Ingrid Feltrin Jefwa |

Ospedale di Castelfranco Veneto

CASTELFRANCO – Non è passata inosservata la battuta di Zaia sull’ospedale San Giacomo definito nuovamente “cadavere eccellente”: appellativo che già in passato aveva scatenato polemiche. Una dichiarazione fatta dal presidente della Regione in occasione della cerimonia di presentazione della lista Marcon, il sindaco uscente ricandidatosi alla poltrona di primo cittadino. Le reazioni infatti non si sono fatte attendere e oggi il candidato del Pd alle elezioni Regionali Claudio Beltramello risponde:

“Ieri, il governatore Zaia ha riproposto con orgoglio la definizione di “cadavere eccellente” per l’ospedale di Castelfranco Veneto. Spera, inutilmente, di mascherare i suoi tagli convincendo qualcuno che il nostro ospedale fosse mal ridotto prima dei devastanti ridimensionamenti voluti dalla Lega, e che l’arrivo di una sede distaccata dell’Istituto Oncologico Veneto (IOV) di Padova lo abbia salvato. Niente di più falso e di più distante dalla realtà. Ed è un'affermazione anche molto offensiva verso il personale sanitario. L’ospedale di Castelfranco – prosegue Beltramello - è sempre stato una struttura di grandissima eccellenza e un punto di riferimento essenziale per il territorio fino a quando la Lega ha deciso di iniziare a smantellarlo. Anzi, è proprio per la sua qualità indiscussa che è stato scelto come sede accessoria dello IOV”.

Beltramello fa riferimento, innanzitutto, ai servizi maggiormente di supporto ai reparti oncologici. Quindi prosegue: “I servizi castellani di Medicina Nucleare, Anatomia Patologia e Radiologia sono sempre stati non soltanto un riferimento per il Veneto, ma per l’intero territorio nazionale. Il livello eccellente dell’ospedale generalista castellano prima dei tagli è testimoniato in modo inequivocabile dai dati sull’occupazione media di tutti i reparti e dalla qualità dei tanti servizi offerti, molto spesso citati come fiore all’occhiello per il Veneto. Solo per citare tre esempi, la Cardiologia, la Breast Unit e la Chirurgia Maxillo-facciale”.

Il candidato alla Regione che tra l’altro di professione fa il medico quindi ci tiene a precisare che il piano regionale avrebbe portato ad una riduzione dei posti letto nella struttura generalista da 300 a 186 con la cancellazione dei reparti di Traumatologia-Ortopedia e tutti quelli d’area Chirurgica (con la sola concessione di 20 posti letto a titolo provvisorio per la Chirurgia generale). A tal proposito Beltramello biasima il sindaco Marcon di non essersi opposto a tutto questo e prosegue: “Peraltro lo IOV ha portato a Castelfranco sino ad ora solo due reparti aggiuntivi.

Per il resto, si è letteralmente ‘mangiato’ i reparti di Anestesia e Rianimazione (inclusa la terapia intensiva), Ematologia, Gastroenterologia, Urologia, Oncologia oltre ai già citati Breast Unit, Anatomia Patologica, Medicina Nucleare e Radiologia. Come mai, caro Zaia, lo IOV se li è presi tutti, se secondo lei erano reparti moribondi? Noi siamo sempre stati favorevoli all’arrivo dello IOV cominciando però con l’aprire realmente nuovi reparti super-specialisti oncologici negli spazi liberi esistenti. E invece si è fatto tutto al contrario perché volevano eliminare subito la parte generalista”.

Sulla questione ospedale interviene anche il candidato sindaco Sebastiano Sartoretto della coalizione Castelfranco Merita: “L’operazione IOV, che si sarebbe potuta gestire nel senso di un incremento dei servizi, affiancando cioè quelli oncologici agli altri generalisti già presenti (e lo spazio c’era!) si è rivelata invece tutt’altro. Per volere della Regione e con la colpevole connivenza del sindaco uscente Marcon, lo IOV è diventato la scusa per eliminare più di 100 posti letto del nostro ospedale, con un impatto pesantissimo per i cittadini di Castelfranco e di tutta la Castellana. Se avremo Beltramello in Regione e me a guida della città – aggiunge Sartoretto - ci sarà una sinergia importante per invertire la rotta in merito all’ospedale – quindi concludono all’unisono Beltramello e Sartoretto -. Caro Zaia l’unico cadavere (politico) a Castelfranco è, se mai, la Giunta Marcon”.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa
Direttore responsabile

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×