15 aprile 2021

Montebelluna

Piazza IV Novembre, ok al sottopasso

Fumata bianca in conferenza dei servizi

|

|

MONTEBELLUNA - La Conferenza dei servizi, convocata per ieri mattina a Mestre presso la sede di Veneto Strade dal commissario delegato per la Superstrada Pedemontana Veneta, Silvano Vernizzi, ha dato parere favorevole al progetto del sottopasso in piazza IV Novembre elaborato dall'ingegner Adriano Turso della SIS in accordo con gli uffici tecnici del Comune.

Non si tratta della riproposizione dei vecchi progetti del sottopasso in via Piave, bensì di una proposta alternativa con forma a parabola.

Alla Conferenza dei servizi erano stati invitati tutti gli enti interessanti. Presenti, in particolare, il responsabile del procedimento dell'opera, Ing. Giuseppe Fasiol, il sindaco di Montebelluna, Marzio Favero, l'assessore provinciale alla viabilità, Gianluigi Contarin, e l'ingegner Gianluigi De Carlo di Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane).

Tutti gli enti interessati e aventi titolo hanno espresso parere favorevole, comprese le società di servizio (AscoTLC, Italgas, ATS...). Da evidenziare, per il carattere decisivo, i pareri favorevoli, oltre che di Regione, Provincia e Comune, anche delle Soprintendenze ai beni ambientali ed architettonici e la Soprintendenza ai bene archeologici. Fondamentale il parere favorevole di RFI che stanzierà, come contributo per l'eliminazione del passaggio a livello, la somma di 650mila euro.

L'ingegner Gianluigi De Carlo ha altresì comunicato che il periodo utile per il varo del manufatto del sottopasso ferroviario (che verrà realizzato in opera e poi spinto sotto i binari) è stato individuato da Rete Ferroviaria Italiana fra il 15 giugno e il 30 luglio 2017 per ridurre al minimo l’impatto sul servizio ferroviario.

 

“Esprimo la mia felicità per aver ottenuto il via alla realizzazione dell'opera più attesa in città – commenta il sindaco, Marzio Favero -. La Conferenza dei servizi di oggi dà il disco verde alla fasi successive, cioè alla progettazione esecutiva e all'apertura del cantiere. Ricordo che il sottopasso è riconosciuto come opera complementare alla realizzazione della SPV e, in quanto tale, è stato finanziato, perché si è riconosciuto il suo valore strategico perché consentirà di eliminare una barriera presente nella circolazione del traffico cittadino di Montebelluna che potrebbe diventare assolutamente insostenibile con l'apertura del casello superstradale e che andrà ovviamente ad aumentare il volume dei collegamenti tra il centro di Montebelluna e la Superstrada”.

 


| modificato il:

Leggi altre notizie di Montebelluna
Leggi altre notizie di Montebelluna

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×