19 febbraio 2020

Italia

Papa: "No ai telefonini a tavola"

"Dobbiamo riprendere la comunicazione: i padri con i figli, i nonni, i fratelli tra di loro"

commenti |

commenti |

papa Francesco

ROMA - "I tre componenti della Santa Famiglia si aiutano reciprocamente a scoprire il progetto di Dio, loro pregavano lavoravano, comunicavano tra loro. E io mi domando, tu sai comunicare nella tua famiglia? Sai comunicare o tu sei come quei ragazzi che a tavola sta ciascuno con il proprio telefonino a chattare?"

"In quel tavolo un silenzio come se si fosse a messa. Non si comunicano, e invece dobbiamo riprendere la comunicazione: i padri con i figli, i nonni, i fratelli tra di loro. Questo è il compito che ci spetta oggi". L'esortazione di Papa Francesco, pronunciata a braccio, all'Angelus è giunta nel giorno in cui si celebra la festa della Santa famiglia di Nazareth.

"Oggi rivolgo un saluto speciale alle famiglie qui presenti e a quelle che partecipano da casa attraverso la televisione e la radio. La famiglia è un tesoro prezioso: bisogna sempre sostenerla e tutelarla", dice il Pontefice.

"A tutti auguro una buona domenica e un fine anno sereno", aggiunge Bergoglio, che poi, parlando a braccio, prosegue: "Finiamo l'anno in pace: pace del cuore, questo vi auguro, e in famiglia, comunicando l'uno con l'altro". "Vi ringrazio ancora dei vostri auguri e delle vostre preghiere. E continuate per favore a pregare per me. Buon pranzo e arrivederci".
 

 

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×