30/11/2021velature lievi

01/12/2021nubi sparse

02/12/2021pioggia debole

30 novembre 2021

Il pane slow (seconda puntata)

Categoria: Altro - Tags: #pane, #ricette, #autoproduzione, #farina, #cucina, #food, #yummy, #instafoo, #foodie, #cooking

immagine dell'autore

Omar Lapecia Bis | commenti |


Devo dire che  sono felice di aver fatto,mettere le mani in pasta a così tante persone e sono contento che siate stati contenti del risultato.


Molti mi hanno chiesto consigli per la pentola .Una pentola in ghisa sarebbe perfetta.


Le opzioni sono una Le Creuset da 150 200 euro (ottima ma babbo natale ha già fatto il giro di casa mia,altrimenti si potrebbe usare quella dell'Ikea (non abbiate paura è già assemblata)  a 40 euri vedete voi...


Altrimenti che ne dite di provare le baguettes? Servirà solo una placca da forno.


Ora preparate il contenitore per mescolare gli ingredienti e una volta mescolati accomodatevi sul divano con un buon libro.


Dura la vita se volete farvi il pane da soli... 


Una delle ricette No-Knead più eseguite è quella delle mini baguettes  adesso ho capito il perché!!! L'impasto a si allunga fino a farlo diventare una corda che cuoce rapidamente, e non richiede come vi dicevo  la pentola di ghisa ma una semplice teglia da forno.La crosta è più sottile e si presta benissimo ad essere farcito. 



E' sottile e croccante e il pane risulta leggero, proprio nel senso letterale della parola.Se inizierete a preparare le mini baguettes, non smetterete più...



 


 


 


Bastone o Minibaguette


Ingredienti per 4 bastoni



400 g di farina 0  3 g di sale 3 g di zucchero 1 g di lievito secco attivo (lievito di birra disidratato) 350 g di acqua fredda, 13-18°C


altra farina per spolverare 60 g circa di olio extravergine d'oliva 3 g di sale grosso


Mescolate la farina, il sale, lo zucchero e il lievito in una ciotola di dimensioni medie. Aggiungete l'acqua e mescolate con la mano o con un cucchiaio di legno per 30 secondi circa fino ad ottenere un impasto umido e appiccicoso. Coprite la ciotola (con pellicola per alimenti) e lasciate riposare a temperatura ambiente per 12-18 ore  ore finché la superficie è punteggiata di bollicine e l'impasto è più che raddoppiato di volume.


Quando la prima lievitazione è completa, cospargete il piano di lavoro con abbondante farina. Rovesciate l'impasto sul piano, aiutandovi con un raschiapasta o una spatola. Ripiegate l'impasto su se stesso due o tre volte e modellatelo delicatamente fino ad ottenere una palla schiacciata.


Spennellate la superficie con un po' d'olio d'oliva e cospargeteci ¼ di cucchiaino di sale grosso (1 g), che si scioglierà poco a poco sulla superficie.


Mettete un canovaccio sul piano di lavoro e spolveratelo con abbondante crusca, farina di mais o farina di tipo 0. Trasferite l'impasto sul canovaccio in modo che la parte piegata sia sotto. Se è appiccicoso, spargeteci sopra un po' di crusca, farina di mais o farina di tipo 0.


Ripiegate il canovaccio sull'impasto per coprirlo, senza stringere, e lasciatelo lievitare per 1-2 ore (per me poco più di un'ora) in un posto caldo e al riparo dalle correnti d'aria. E' pronto quando è quasi raddoppiato di volume. Premendo con un dito dovrebbe rimanere un'impronta profonda circa mezzo centimetro. Se scompare subito, lasciatelo lievitare per altri 15 minuti.


Mezz'ora prima del termine della seconda lievitazione, riscaldate il forno a 260°C  con una griglia al centro. Ungete con un pò d'olio una teglia.


Tagliate l'impasto in quattro parti e allungatele per ottenere un bastone lungo all'incirca come la teglia. Trasferite nella teglia, lasciando almeno 2 cm tra un pane e l'altro. Spennellate con l'olio d'oliva e cospargete con il rimanente ½ cucchiaino di sale grosso (2 g).


Infornate per 15-25 minuti, finché la crosta ha un bel colore dorato scuro. Lasciate raffreddare nella teglia per 5 minuti, poi con una spatola trasferite le baguettes su una griglia a raffreddare.


 


Sempre se farà a tempo a diventare freddo.


 


 



Commenta questo articolo


foto dell'autore

Omar Lapecia Bis

Docente di Enogastronomia, Sommelier, Chef Mentor, Food Blogger,Food Stylist, Corporate Chef
Esperto per tutti i prodotti food inerenti la ristorazione . In special modo nella crezione di nuovi format ristorativi .Sviluppo menù ,esperto nel food purchase per le sue specifiche e sviluppo di ricette.Supervisiona e organizza gli staff di ristorante
"Amo i prodotti che ti raccontano storie di uomini e di culture.Trasformarli rispettandone la natura é il mio compito.Adoro utilizzare tecniche innovative per esaltarne la percezione sensoriale. Portare chi degusta il piatto a provare sensazioni e emozioni Questo è lo spirito della mia cucina."
Una cucina MODernista


SEGUIMI SU:

Ultimi Post
top Post
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×