13 maggio 2021

Treviso

Pandemia e imprese: “Turismo, ristorazione, commercio al dettaglio, settori in ginocchio”

Vertice tra Camera di Commercio di Treviso e sindacati: “I veri contraccolpi della crisi si potrebbero vedere allo scadere dei benefici concessi dal governo”

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

Mario Pozza e i segretari della Cgil, Cisl, Uil Treviso

TREVISO - Monitorare e condividere l'aggiornamento della situazione economica mettendo al centro le risorse umane impiegate soprattutto nei settori messi in ginocchio dalla pandemia: turismo, ristorazione, commercio al dettaglio, in particolare l’abbigliamento. La Camera di Commercio Treviso e Belluno ha aperto un nuovo canale diretto con le tre sigle.

Ieri il primo incontro tra il presidente Mario Pozza e i segretari della Cgil Mauro Visentin, il segretario della Cisl Massimiliano Paglini e il segretario della Uil Guglielmo Pisana, dei sindacati delle provincie di Treviso e Belluno.  “La preoccupazione è che i veri contraccolpi della crisi, nel contesto sociale, si potrebbero vedere allo scadere dei benefici concessi dal Governo in merito ai ristori, ai prestiti garantiti e alla cassa integrazione oltre che al divieto di licenziamento”, ha sottolineato Pozza.

 Tra i temi affrontati anche quello dell’aeroporto di Treviso: “Abbiamo condiviso prospettive ed eventuali ricadute sull'economia delle persone visto la chiusura protratta che segue i picchi della pandemia nel mondo. Personale, indotto, un microsistema danneggiato senza precedenti. Ho evidenziato la mia disponibilità per monitorare la situazione  assicurando che saranno aggiornati sui dati e sul sentiment degli imprenditori coinvolti. Preoccupazione e attesa sono stati d’animo che sta vivendo la nostra società e di cui dobbiamo tenere conto nelle nostre scelte strategiche”.

 Le sigle sindacali hanno manifestato il loro interesse a seguire la situazione in questo particolare momento nel quale, a livello nazionale, si sta discutendo della Riforma degli ammortizzatori sociali. I sindacati, pur svolgendo un ruolo di tutela e di difesa del lavoro, sono disponibili a dare il supporto necessario per accompagnare le imprese più in difficoltà a trovare soluzioni condivise.

“Pensiamo – dichiarano Mauro Visentin, Massimiliano Paglini e Guglielmo Pisana, Segretari generali della Cgil Treviso, della Cisl Belluno Treviso e della Uil Treviso Belluno – che Istituzioni, Parti Sociali e mondo imprenditoriale debbano fare fronte comune, per individuare assieme le soluzioni più opportune per far ripartire al più presto le imprese del territorio e con esse il lavoro. In questo senso, riconosciamo il ruolo centrale della Camera di Commercio, che per la sua natura trasversale può rappresentare il riferimento per accompagnare la fase di uscita dall'emergenza. Vanno colte le opportunità dei fondi messi a disposizione dai soggetti territoriali e anche dall'Europa, per salvaguardare occupazione e produzione, e fare sistema”.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×