21 settembre 2020

Treviso

Ospiti dell’ex caserma Serena trasferiti nel grattacielo di via Pisa: scoppia la protesta

L'amministratore Zuin: "Nessuno ci ha avvisato"

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

sit-in via Pisa

TREVISO - Cinque richiedenti asilo ospiti dell’ex caserma Serena a Casier, da ieri sera sono stati trasferiti in un appartamento della Tower House, il grattacielo di via Pisa alle porte del centro di Treviso. I cinque migranti sono negativi al coronavirus ma nessuno in via Pisa era stato avvisato del loro trasferimento. Sono i primi profughi risultati negativi ai tamponi eseguiti dall’Uls2, trasferiti dalla Serena dopo lo scoppio del maxi focolaio.

Sit-in residenti Tower House

I richiedenti asilo hanno trovato alloggio in un appartamento gestito dalla cooperativa Hilale. Ma il loro arrivo ha suscitato malumori e preoccupazione tra i residenti della Tower House che questa mattina hanno organizzato un sit-in di protesta davanti all’ingresso del grattacielo, a cui hanno preso parte l’amministratore Alessandro Zuin e il consigliere Davide Acampora.

“La notizia ci ha colti di sorpresa. Io non sono stato informato da nessuno dell’arrivo dei 5 profughi. Solo informandomi privatamente ho saputo del loro trasferimento qui - spiega Zuin - Dovevamo essere informati prima per organizzarci”.

“Non è giusto che un amministratore debba essere il parafulmine dei problemi altrui e non è giusto che nessuno ci dica niente. Da ieri sera, oltre ad aver disposto un servizio di vigilanza, stiamo provvedendo ad attivare alcune misure per tranquillizzare i residenti e ad informare e spigare sulla necessità di usare i dispositivi di protezione nelle aree comuni, gel igienizzanti e distanziamento. Qui tutti sono ben accetti ma non sappiamo nemmeno se queste persone conoscono questo contesto e sono state messe a conoscenza delle regole di coabitazione e delle attività del condominio. Già ieri, ad esempio, è stata ripresa nell’androne del palazzo una persona senza mascherina che ha staccato i cartelli con le norme anti contagio”.

Alessandro Zuin e Davide Acampora

Per Zuin il complesso, che ha alle spalle una pesante situazione di degrado, microcriminalità e difficoltà economiche, non è stata la scelta più idonea per ospitare i migranti: “La Tower House non è adatta. Se qui c’è un positivo è un disastro”.

“La situazione è critica - interviene il consigliere Acampora che ha organizzato la protesta con i residenti- per colpa di un governo irresponsabile che sposta le persone come "pacchi" si rischia di vanificare il lavoro fatto in questi anni dall'amministratore e della nostra amministrazione per migliorare la situaizone del grattacielo di via Pisa dove dicono centinaia di famiglie. Oggi sono cinque e la prossima settimana? Cosa succederà man mano che gli ospiti dell’ex Serena si negativizzerannno? Ce li troveremo tutti in giro per la città?”.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×