19 ottobre 2021

Valdobbiadene Pieve di Soligo

Omicidio di Moriago, c'è l'aggravante della premeditazione

Secondo gli inquirenti l'assassino avrebbe colpito dopo aver pianificato quanto poi accaduto

| Angelo Giordano |

| Angelo Giordano |

La scena del delitto

MORIAGO - Premeditazione: l'aggravante è stata richiesta dal pm di turno. Secondo gli inquirenti infatti F.B., operaio di Col San Martino, 34 anni, non avrebbe colpito a caso mercoledì quando ha ucciso con una ventina di coltellate la 35enne di Pieve di Soligo Elisa Campeol. Il delitto infatti sarebbe stato premeditato e programmato nel dettaglio. L’uomo infatti il giorno precedente avrebbe eseguito una verifica nel luogo dove poi mercoledì ha colpito.

Le indagini ora si stanno concentrando sul fatto se davvero il presunto assassino non conoscesse davvero la sua vittima. O se ci fosse qualche tipo di rapporto. Secondo i legali dei familiari della vittima, non ci sarebbe stato alcuna conoscenza tra i due. Per la conferma gli inquirenti stanno passando al setaccio anche cellulari e pc.
 

LEGGI ANCHE

Moriago, cadavere di una donna ritrovato all'Isola dei Morti

 


| modificato il:

Angelo Giordano

Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo
Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×