02 giugno 2020

Vittorio Veneto

Nuovo striscione di CasaPound contro l’Anpi: “Negazionismo e quattrini”

Nuovo blitz a Vittorio Veneto contro l'Anpi

| Gloria Girardini | commenti |

| Gloria Girardini | commenti |

Nuovo striscione di CasaPound contro l’Anpi: “Negazionismo e quattrini”

VITTORIO VENETO - Un nuovo striscione contro l'Anpi è comparso nella notte in via Antonello da Serravalle a Vittorio Veneto. Il primo episodio si era verificato non a caso il 10 febbraio, il Giorno del Ricordo, in cui si commemorano le vittime delle foibe.

 

“Di fronte a questo ultimo sfregio, ai valori democratici che l’ANPI difende, non si può rimanere indifferenti e vivere la quotidianità con un silenzio che diventa assordante. Noi continuiamo nel nostro impegno contro l' ignoranza storica e l ' arroganza dei nuovi fascisti-ha dichiarato in una nota la presidente dell’Anpi di Vittorio Veneto, Chiara Marangon- Confidiamo nel senso di responsabilità e nella presa di posizione di tutti coloro che, come noi, credono nei principi costituzionali: amministrazione locale, partiti politici, forze sindacali, associazioni e cittadini di Vittorio Veneto che non merita, per la sua storia, di essere in balìa di Casapound. E' doveroso per tutti gli antifascisti condividere la denuncia e la mobilitazione contro ogni forma di provocazione e prevaricazione della democrazia”.

 

Sull'argomento è intervenuto il gruppo di minoranza Partecipare Vittorio Rinascita Civica: "Uno striscione che insulta direttamente l'ANPI con accuse al tempo stesso ridicole ed infamanti. Solidarietà all'Associaione, vittima di un'indecente intimidazione anche e soprattutto a Vittorio Veneto . Ci aspettiamo prese di posizione simili alle nostre da parte di tutte le associazioni e le forze politiche in città,ì in particolare da quelle forze che pure arruolavano neofascisti nelle loro liste e i cui esponenti magari alla bisogna ricordano di avere un qualche vecchio parente partigiano per ripulirsi la coscienza e l'immagine a giorni alterni. Siamo molto preoccupati di questi episodi intimidatori nei confronti di un’ associazione che dal dopoguerra ad oggi, in Città ha sempre operato per trasmettere alle nuove generazioni il testimone di molti concittadini che durante il ventennio fascista e durante la guerra sono morti per non sottostare a soprusi ed ingiustizie e di quanti hanno pagato un duro prezzo finendo nelle galere fasciste, a Roma o a Milano e scampati per un nonnulla alla deportazione. Chiediamo al Sindaco di condannare questi episodi e di segnalare presso le autorità competenti questi gesti intimidatori".

 



Gloria Girardini

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×